A- A+
Esteri

 

 

La talpa di Wikileaks, il soldato Bradley Manning, e' stato condannato a 35 anni di carcere per aver passato al sito di Juliane Assange centinaia di migliaia di file segreti del dipartimento di Stato e del Pentagono.

Manning rischiava fino ad un massimo di 90 anni, anche se la procura ne aveva chiesti 60. Manning e' stato - ovviamente - anche congedato con disonore.

Il giudice della corte marziale, il colonnello Denise Lind, lo aveva riconosciuto colpevole lo scorso mese di 20 capi di imputazione, tra cui spionaggio e furto, ma non dell'accusa piu' grave di "connivenza con il nemico", per cui avrebbe rischiato l'ergastolo.

La pena e' piuttosto lieve se si considera la richiesta della procura di "dare un esempio", pensando al nuovo caso dell'Nsagate e alla sua talpa, Edward Snowden. La pena totale sara' anche ridotta di oltre 3 anni (venne arrestato a luglio del 2010) di carcere preventivo gia' scontato da Manning.

Tags:
wikileaksmanningassange
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.