A- A+
Green
Accordi di Parigi, traguardo lontano: serve tagliare la CO2 del 45% al 2030

Accordi di Parigi, allarme rosso per il pianeta 

E' allarme rosso per il pianeta. Gli accordi di Parigi, siglati cinque anni fa, strumenti essenziali per la lotta al cambiamento climatico, di questo passo potranno rimanere solo un bel "pezzo di carta". Dall'ultimo report dell'Onu si apprende infatti che i governi del mondo sono ben lontani dal raggiungimento di quell'ambizioso traguardo: mantenere la temperatura globale sotto i 2 °C rispetto all’era preindustriale, e idealmente di 1,5° C, entro la fine del secolo. Nel 2021, in vista della Cop26 di novembre a Glasgow, secondo gli esperti Onu "si dovranno raddoppiare gli sforzi e presentare national climate action plans più forti e più ambiziosi". 

Nello specifico il report misura lo stato di avanzamento dei national climate action plans, detti NDC.  Analizzando le richieste fino al 31 dicembre 2020, si nota che solo 75 Parti hanno comunicato un NDC nuovo o aggiornato, ovvero circa il 30% delle emissioni globali di gas serra. Mentre la maggior parte dei Paesi ha aumentato singolarmente i livelli individuali di ambizione per ridurre le emissioni– fa sapere Greenreport– il loro impatto combinato mette il mondo sulla strada per ottenere una riduzione di gas serra emessi inferiore all’1% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2010. Dunque, si legge, siamo ben lontani da quanto indicato dall’Intergovernmental panel on climate change, che ha indicato che per raggiungere l’obiettivo di un aumento della temperatura di 1,5° C le emissioni di gas serra globali dovrebbero essere ridotte di circa il 45%.

Accordi di Parigi, segretario ONU: "Il 2021 è un anno decisivo per l'emergenza climatica" 

La presidente della COP25 Unfccc, la cilena Carolina Schmidt, ha fatto notare che “questo rapporto di sintesi degli NDC indica chiaramente che deve essere svolto un lavoro significativo, in particolare dai principali emettitori. Solo 2 dei 18 maggiori emettitori, il Regno Unito e l’Unione Europea, nel 2020 hanno presentato un NDC aggiornato contenente un forte aumento dei loro obiettivi di riduzione dei gas serra. Altri principali emettitori hanno presentato NDC che presentano un aumento molto basso del loro livello di ambizione o non hanno ancora presentato NDC. Anche se il rapporto di sintesi mostra che i NDC presentati nel 2020 sono più chiari e più completi del primo ciclo, ad esempio contengono più informazioni sull’adattamento e un maggiore allineamento con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, il livello generale di ambizione mostrato dai principali emettitori in questa prima istantanea è molto basso”.

E anche il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, non nasconde la sua preoccupazione, ricrdando che “il 2021 è un anno decisivo per affrontare l’emergenza climatica globale. La scienza è chiara, per limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5° C, dobbiamo ridurre le emissioni globali del 45% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2010. Il rapporto provvisorio di oggi dell’Unfccc è un allarme rosso per il nostro pianeta. Mostra che i governi non sono neanche lontanamente vicini al livello di ambizione necessario per limitare il cambiamento climatico a 1,5 gradi e a raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi. I principali emettitori devono inserire  obiettivi di riduzione delle emissioni molto più ambiziosi per il 2030 nei loro contributi Nationally Determined Contributions, ben prima della Conferenza sul clima delle Nazioni Unite di novembre a Glasgow. Il momento è ora. La coalizione globale impegnata a ridurre le emissioni fino al net–zero entro il 2050 è in crescita tra governi, imprese, investitori, città, regioni e società civile. I piani di recupero post Covid-19 offrono l’opportunità di ricostruire un ambiente più verde e pulito. I responsabili delle decisioni devono attuare i loro discorsi. Gli impegni a lungo termine devono essere accompagnati da azioni immediate per avviare il decennio di trasformazione di cui le persone e il pianeta hanno così disperatamente bisogno”.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    accordi di parigi traguardo serve taglio emissioniaccordo di parigi traguardo emissioni clima
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


    casa, immobiliare
    motori
    Kia svela la nuova generazione della Niro

    Kia svela la nuova generazione della Niro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.