A- A+
Green
Emissioni, il 40% dipende dai trasporti: in Italia dal 1990 aumentate del 3,9%
Il tram 23

Mobilità, nel 2019 il trasporto su strada ha rappresentato il 23,4% delle emissioni nazionali 

Quasi un quarto delle emissioni nazionali di anidride carbonica dipende dal trasporto su strada che, dai dati rilevati nel 2019, non calano nemmeno rispetto al 1990. Ad aprire un focus sulle emissioni in questo particolare settore è l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) che ha presentato i risultati del delle sue rilevazioni nel Rapporto sullo stato e gli scenari nazionali delle emissioni. Il trasporto su strada mostra un aumento delle emissioni di gas serra del 3,9% rispetto al 1990, arrivando a rappresentare nel 2019 circa il 92,6% delle emissioni del settore trasporti totali e il 23,4% delle emissioni nazionali totali di CO2 equivalente. 

Nonostante negli anni più recenti ci sia stato un maggior ricorso alle alimentazioni alternative, queste non assumono ancora un peso rilevante sul totale. Nel 2019 il peso preponderante è ancora dei carburanti fossili: in particolare i consumi di gasolio e benzina rappresentano circa l’88% del consumo totale su strada. I gas serra provengono infatti per il 69% da auto, 25% dal traffico merci, 3% da autobus e altrettanto dalle due ruote, in particolare motocicli. Nel 2019 il trasporto su strada è la principale fonte di emissione di ossidi di azoto, con il 40,3% del totale emesso a livello nazionale, nonostante dal 1990 registri una riduzione del 74,6%. Le emissioni di particolato fine derivanti dal trasporto stradale dal 1990 al 2019 si riducono del 73,5%, rappresentando nel 2019 il 10,1% del totale emesso a livello nazionale.

Riguardo al monossido di carbonio, dal 1990 le emissioni si riducono del 92,1%, rappresentando nel 2019 il 18,7% del totale emesso a livello nazionale. In termini di emissioni di CO2, le emissioni da trasporto su strada dal 2019 al 2030 diminuiscono del 39% passando da circa 97 a 59 milioni di tonnellate, con un ulteriore diminuzione al 2050, fino a raggiungere 22 milioni di tonnellate. Analogamente alle emissioni, ci attendiamo anche per i consumi di carburante, dal 2019 al 2050, una diminuzione pari a circa il 60% con una forte contrazione del contributo del diesel che passa dal 2019 al 2050 da circa il 60% all’8% del totale, mentre emerge un ricorso crescente al metano ed ai combustibili alternativi.  

 

Commenti
    Tags:
    emissioni mobilità stradaemissioni trasporti mobilità stradaemissioni trasporti mobilità strada via
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Nulla di cinese è mai durato... Ma ora si battono tutti i record

    Covid vissuto con ironia

    Nulla di cinese è mai durato...
    Ma ora si battono tutti i record

    i più visti
    in vetrina
    Giulia De Lellis senza trucco: "Accettarsi? È lunga, ma ce l'ho fatta". VIDEO

    Giulia De Lellis senza trucco: "Accettarsi? È lunga, ma ce l'ho fatta". VIDEO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Toyota apre il pre-booking di Nuova Yaris Cross Hybrid

    Toyota apre il pre-booking di Nuova Yaris Cross Hybrid


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.