A- A+
Green
Dalla decontaminazione da amianto alla produzione di energia: c'è un tesoro nel latte

E' nata una fiera professionale dedicata alle tecnologie di lavorazione e confezionamento per il comparto lattiero-caseario. Si chiama DairyTech e fa parte del mondo IPACK-IMA, mostra internazionale di riferimento per il packaging di Fiera Milano. DairyTech debutterà il prossimo anno nei padiglioni di Fiera Milano, pochi giorni dopo l'apertura di EXPO 2015 e contemporaneamente a IPACK-IMA, dal 19 al 23 maggio 2015.

DairyTech si rivolge a un comparto che rappresenta il primo settore alimentare italiano. L'Italia produce infatti circa 11 milioni di tonnellate di latte all'anno, in gran parte destinato - insieme al latte importato - alla produzione di formaggi (un milione di tonnellate all'anno). Quest'ultima comporta a sua volta una rilevante quantità di siero di latte, derivato del processo industriale. Tutti sanno che il latte fa bene alla salute. Ma forse pochi sanno che il siero di latte può far bene anche alla bolletta energetica, all'ambiente e a molto altro. Se ne può ricavare biogas e produrre energia; oppure lo si può utilizzare per rendere inerti le fibre di amianto; produrre bevande contro l'invecchiamento e d'aiuto al sistema immunitario; migliorare le rese dei formaggi DOP.

I possibili utilizzi del siero di latte saranno discussi nel convegno "Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto", in programma il 2 dicembre a Milano al Palazzo delle Stelline (corso Magenta 61). Il convegno, coordinato da Claudio Peri, professore emerito dell'Università degli Studi di Milano e patrocinato da Fedagri, è organizzato da Dairy Tech.

Le opportunità non mancano: italiano è il brevetto della Chemical Center di Castello d'Argile (BO), che permette di togliere la parte di cemento dalle lastre di Eternit e poi di distruggere le fibre di amianto con un trattamento termico a 180° C, utilizzando siero di latte.

Un altro ambito di applicazione è quello energetico. "Il siero può essere fermentato con adeguati microrganismi per produrre molecole più semplici, quelle di metano ed etanolo - spiega Federico Baruzzi, ricercatore all'Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari del CNR di Bari - e le tecnologie necessarie sono ampiamente disponibili sul mercato". Ne segue che un caseificio può generare l'energia termica ed elettrica necessaria a produrre formaggi e a refrigerarli: ad esempio il Caseificio Moro di Motta di Livenza (Treviso) ricava circa il 75% del fabbisogno energetico dai suoi scarti industriali. Il siero alimenta anche un florido commercio mondiale: 6 miliardi di euro nel 2013, in crescita del 30% sul 2011.

L'Italia produce 8 milioni di tonnellate all'anno di siero di latte. Ora, il 60% viene destinato all'alimentazione animale; il 40% all'uso umano (come ingrediente di latti per l'infanzia, cioccolato, confetteria, gelati, salse, salumeria, farmaci e cosmetici… e altro ancora). Ma questo derivato potrebbe alimentare, al di là degli usi tradizionali, nuove industrie e posti di lavoro.

Tags:
fiera milano
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

Scatti d'Affari
SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


casa, immobiliare
motori
Al Lingotto apre  “FIATCafé500”

Al Lingotto apre  “FIATCafé500”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.