A- A+
Green
Phase out carbone, Europa è a metà strada

Phase out carbone, Europa è a metà strada

L’Europa procede verso la chiusura della metà degli impianti a carbone esistenti. Lunedì 22 marzo l’utility francese EDF (Electricité de France) ha annunciato che l’anno prossimo chiuderà la sua centrale a carbone da 2.188 MW di West Burton, nel nord dell’Inghilterra. Il contaggio prima del 2030 salirà a 162: la metà dei 324 totali.

Il conteggio è stato tenuto da Europe beyond coal, coalizione di movimenti della società civile impegnati in una campagna per il phase out del carbone. “Siamo alla fine dei giochi per l’industria del carbone in Europa Dopo anni di inarrestabile declino, metà degli impianti a carbone europei sono storia, ha spiegato Kathrin Gutmann, direttrice della campagna Europe Beyond Coal.

E sottolinea: “I governi, le società energetiche e le istituzioni finanziarie devono ora pianificare un’uscita dal carbone entro il 2030 o prima, terminare tutti i flussi di finanziamento al carbone e al gas fossile e, invece, indirizzare il loro sostegno alle energie rinnovabili sostenibili e alla giusta transizione delle comunità colpite. I prossimi cinque anni vedranno la maggior parte degli stabilimenti rimasti”.

Secondo quanto riporta Europe beyond coal il calo del carbone in Europa è stato costante fin dal 2012, mentre le rinnovabili sono cresciute del 40% solo nella prima metà del 2020.

“La realtà dell’economia e della politica, insieme alla massiccia richiesta pubblica di proteggere il nostro clima e ripulire la nostra aria e acqua, significano che il carbone e altri combustibili fossili semplicemente non hanno futuro. Quattordici paesi europei lo capiscono e si sono lavati le mani dal carbone. I pochi rimasti hanno una scelta chiara: pianificare un’eliminazione graduale del 2030 ora, con tutti i vantaggi di un’energia rinnovabile pulita e a basso costo e dei fondi dell’UE per la transizione, o essere comunque costretti a effettuare la transizione in un secondo momento, ma in modo non pianificato e caotico questo è più doloroso per cittadini e lavoratori, danneggia la salute delle persone e deve essere pagato con i bilanci nazionali “, ha concluso Kathrin Gutmann.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    carbone italiacarbone europa
    in evidenza
    Ognissanti, caldo quasi estivo Alta pressione da Nord a Sud

    L'inverno è lontano

    Ognissanti, caldo quasi estivo
    Alta pressione da Nord a Sud

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico

    Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.