A- A+
Green
Ricerca: gli italiani e la sostenibilità, cosa cambia per brand e comunicatori

Sostenibilità: serve un cambio di paradigma, anche comunicativo

Si fa presto a dire “sostenibilità”. Che cosa intendiamo, quando ne parliamo? Abbiamo tutti la stessa idea in proposito? Si concentra su questo tema la ricerca di Astarea, istituto di ricerche di mercato, sociali e di opinione. In questo caso ha deciso di realizzare una ricerca innovativa, basata su un approccio quali-quantitativo e condotta su un campione statisticamente solido di rispondenti (980 casi, rappresentativo della popolazione italiana dai 18 anni in su), ma al tempo stesso capace di far emergere il significato sotteso a ciascuna risposta. Un approccio che non fa emergere elenchi di parole o disposizioni emozionali per definizione passeggere ed esposte alla contingenza, bensì format cognitivi/sintattici, modelli di ragionamento spontaneamente espressi e sedimentati, destinati per questo a inquadrare il vissuto della sostenibilità anche a venire.

Per la maggioranza, la sostenibilità è associata all'ambiente

I risultati non hanno deluso le attese, a partire dal 30% di risposte incomprensibili, non pertinenti o chiaramente rubate da Internet, che misurano la adesione molto moderata degli italiani dal tema della sostenibilità, non registrato dai sondaggi tradizionali che rilevano una adesione alle volte di maniera e che solo in parte si traduce in atteggiamenti conseguenti. La sostenibilità, dunque, è prevalentemente associata all’ambiente (26%), come peraltro confermato da altre ricerche, concordi nel mostrare la minore attenzione degli italiani per la dimensione sociale e quella economica del tema. 

Al tempo stesso, l’interpretazione green della sostenibilità viene correlata nella larga maggioranza dei casi all’azione del controllo, e in misura inferiore ad un racconto di rispetto e cura. La focalizzazione sul tema ambientale ha quindi la conseguenza di generare un approccio alla sostenibilità di tipo resistenziale, perché dominato dal senso di degrado e dalla paura che ne deriva: mantenere il possibile e salvare il salvabile. Il risultato è confermato dal fatto che solo una minoranza considera la sostenibilità un veicolo di benessere (15%) e di promozione della qualità della vita (6%), mentre prevale la richiesta opposta di protezione (34%).

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    brandcomunicazionesostenibilità





    in evidenza
    Affari in Rete

    Politica

    Affari in Rete

    
    in vetrina
    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1

    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1


    motori
    DACIA presenta Nuova Spring 100% elettrica

    DACIA presenta Nuova Spring 100% elettrica

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.