A- A+
Green
Riforestazione, Amazon investe 20 mln in Europa: all'Italia ben 2 milioni
jeff bezos Lapresse

Amazon ha annunciato uno stanziamento di 20 milioni di euro in Europa, parte del “Right Now Climate Fund”, per sviluppare soluzioni basate sulla natura, ovvero iniziative di conservazione e ripristino dell'ambiente naturale, con l'obiettivo di ridurre gli impatti del cambiamento climatico e migliorare le condizioni ambientali delle comunità in cui l'azienda opera. Il primo investimento è dedicato al progetto “Parco Italia”, per un totale di 2 milioni di euro. “Parco Italia” è un programma di forestazione urbana, che prevede di piantare 22 milioni di alberi (uno per ogni abitante) in 14 aree metropolitane italiane. Il sostegno di Amazon al progetto supporterà la pianificazione strategica del programma e i primi cicli di piantumazione degli alberi.

Parco Italia”, primo progetto nazionale di questa portata in Europa, si prefigge di sviluppare la forestazione urbana e creare corridoi verdi sul territorio nazionale, con l'obiettivo di aiutare le città a mitigare il cambiamento climatico aumentando la biodiversità, migliorando la qualità dell'aria e rinfrescando naturalmente gli ambienti. Le attività di piantagione degli alberi nelle 14 aree metropolitane avverranno in sinergia con le attività di forestazione urbana già attive sui territori, così come accade oggi con il progetto di Forestami, sostenuto da Amazon, che ha l'obiettivo di piantare 3 milioni di alberi entro il 2030 nella Città Metropolitana di Milano, territorio dove risiedono gli oltre 1.400 dipendenti distribuiti tra uffici corporate, Aws e siti logistici di Amazon.

Come parte del “Right Now Climate Fund”, Amazon ha inoltre investito in un programma di “rinverdimento” urbano in Germania, in un progetto di conservazione e ripristino delle foreste negli Appalachi statunitensi, nell'Agroforestry and Restoration Accelerator nella foresta amazzonica brasiliana recentemente annunciato, ed è un attore chiave nella Leaf Coalition, una nuova iniziativa globale pubblico-privata che intende raccogliere almeno 1 miliardo di dollari per proteggere le foreste pluviali tropicali del mondo. “La scienza e i modelli di simulazione dimostrano inequivocabilmente che il cambiamento climatico sta progredendo, per cui sono necessari una radicale transizione ecologica verso la piena neutralità climatica e uno sviluppo ambientale sostenibile al fine di mitigare le minacce ai sistemi naturali e umani”, ha detto Roberto Cingolani, ministro della Transizione ecologica.

“Questo”, continua, “è il motivo per cui il Piano nazionale di ripresa e resilienza del Governo italiano sta stanziando risorse significative per progetti green volti alla decarbonizzazione. In particolare, la riforestazione urbana è una componente chiave del programma, sia per rigenerare le città nel loro complesso, sia per preservare un ambiente pulito per i cittadini. Oggi è importante vedere che un'azienda come Amazon abbia deciso di unire le forze con le università e le associazioni italiane per lanciare un progetto di grande rilevanza per il nostro Paese. Significa che stiamo andando tutti nella stessa direzione, lavorando insieme per combattere il cambiamento climatico con un impegno comune per la transizione ecologica”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    sostenibilitàgreenamazonparco italiaamazon parco italiaright now climate fund
    in evidenza
    E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

    Corporate - Il giornale delle imprese

    E-Distribuzione celebra Dante
    Il Paradiso sulle cabine elettriche

    i più visti
    in vetrina
    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


    casa, immobiliare
    motori
    Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”

    Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.