A- A+
Green
Coronavirus, Starbucks torna a tazze di e bicchieri di plastica: più igienici
SCHIAFFO 3 - La multinazionale del caffè Starbucks. In attesa di aprire il suo primo negozio italiano proprio a Milano, ha vinto il bando per la sponsorizzazione e la gestione delle aiuole di piazza Duomo. Pianterà banani, che non sono esattamente tipiche piante lombarde. Ci mancava giusto questa aggiunta che sa di provocazione al gusto esotico che sta prendendo la nostra povera città.

di Luigi Esposito
@LuigiEsposito

Il Coronavirus irrompe nella vita delle imprese, grandi o piccole che siano, interrompendo processi e percorsi virtuosi in atto da decenni che provocheranno inevitabili ritardi anche alla lotta sul cambiamento climatico. Da qualche giorno Starbucks ha reintrodotto il monouso nei suo punti vendita sospendendo il vantaggio della tazza personale. L’emergenza sanitaria che pian piano attraversa tutto il pianeta ha sconsigliato l’uso della tazza personale ma non  l’annesso sconto economico a favore del vituperato monouso. Si torna dunque di gran corsa ai bicchieri e alle tazze di plastica ritenute più igieniche, ma tutto ciò arresta il processo di riduzione dell’impronta ambientale intrapreso dalla multinazionale statunitense.  

“La nostra aspirazione è quella di un caffè sostenibile servito in modo sostenibile " dichiarava il 14 maggio di un anno fa John Kelly, vicepresidente senior per gli affari pubblici globali e l'impatto sociale di Starbucks. Una traiettoria eco-sostenibile intrapresa dal lontano 1985 in cui il gruppo offre uno sconto per la tazza riutilizzabile, una riduzione di prezzo a chi portava la propria tazza in cui essere serviti. Nel 2001 la multinazionale statunitense scrive il suo primo rapporto sulla sostenibilità sociale d’impresa con linee guida etiche sia sull’approvvigionamento del caffè sia su tutti i suoi fornitori. Nel 2006 lancia il suo primo bicchiere di carta per bevande calde realizzato parzialmente con fibre riciclate. Nel 2008 introduce una tazza di plastica in polipropilene che contiene meno materia prima e il cui processo di lavorazione richiede meno gas serra. Agiugno del 2018 Starbucks annuncia la completa sostituzione delle cannuccia di plastica da tutti le sue 28mila caffetterie sparse in numerosi paesi del mondo. Un processo di sostenibilità ambientale che come si vede ha richiesto decenni e che prosegue gradatamente. Ad esempio solo dal primo gennaio di quest’anno la multinazionale ha annunciato per i suoi punti vendita giapponesi l’eliminazione delle cannucce di plastica a favore di quelle di carta provenienti da foreste certificate FSC.  Sui coperchi Starbucks negli ultimi due anni sta progettando e sviluppando efficaci soluzioni alternative che troveranno applicazione in tutti gli store solo alla fine di quest’anno. Ora la scelta dettata dall’emergenza sanitaria di reintrodurre la plastica interrompe, almeno temporaneamente, il percorso di riduzione dell’impronta ambientale. 

Loading...
Commenti
    Tags:
    starbucksstarbucks impronta ambientalestarbucks ambiente
    Loading...
    in evidenza
    Smart working, soft skills Ripensare il lavoro post-Covid

    Il rigoletto

    Smart working, soft skills
    Ripensare il lavoro post-Covid

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive

    Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.