A- A+
Home
La festa di Halloween si ‘mangerà’ pure il Natale?

Della festa di Halloween è meglio non parlarne né ai Testimoni di Geova, né ai Cristiani Evangelici ,né tantomeno alla Chiesa Cattolica.

 

‘Vade retro Satana’ vi diranno, come minimo.

Non importa poi se le bibliografie cristiane sono piene di martiri decapitati, infilzati da centinaia di frecce. lapidati, immersi nell’olio bollente o crocifissi.

Proprio il ‘dolcetto scherzetto’ non gli sta bene.

Halloween si mangerà pure il Natale?

In fondo sia Natale che Halloween sono feste ormai considerate ‘pagane’.

E Halloween in particolare ha una base di fondo sovversiva.

 

Nella notte tutto si blocca, i mostri, i diversi, lasciano i propri nascondigli e i bambini spaventano gli adulti con il ‘dolcetto o scherzetto’.

 

I giardini della case, i balconi , i pianerottoli si riempiono di finte ragnatele, di fantasmi ondeggianti, di streghe maligne.

Un business mica male per i supermercati ripieni da giorni di mostri urlanti, di maschere orripilanti, di teschi e ossa di plastica.

 

In fondo Halloween, a ben guardare, ha molte similitudini con alcune feste europee, come ad esempio la ‘Festa dei matti’ dove per un giorno i plebei si vestivano da nobili invertendo la realtà sociale. Oppure con feste americane dove per un giorno i ragazzini bianchi si pitturavano di nero e viceversa.

Halloween si mangerà pure il Natale?

Il  segreto del successo sempre più forte di questa nuova tendenza festaiola sta probabilmente nel fatto che la maggior parte della gente ama avere dei momenti in cui lasciarsi andare, rompere le convenzioni i sociali in una specie di perdita di inibizioni, ma controllata. Una specie di moderato ma simpatico spinello.

 

Ci fu un momento però che questa festa fu realmente messa in discussione negli Stati Uniti. Questo momento fu nel 2001. Dopo i tragici attentati dell’11 settembre molti americani chiesero di fermare questa festa sui morti finti. Sembrava una mancanza di rispetto nei confronti dei morti veri.

Halloween si salvò soltanto perché un’altra grande fetta di americani chiese di non farsi condizionare  e limitare nella propria vita dal terrorismo. Le maschere di Bin Laden andarono a ruba. E Halloween si salvò.

 

La festa, nata in Europa, arrivo’ negli Stati Uniti attraverso i pellegrini e dall’America in questa ultimi anni è ritornata in maniera prepotente nel continente europeo.

Critiche e apprezzamenti su Halloween ce ne sono per tutti i gusti.

 

Vero è che per il commercio, in tempi di magra, è una bella boccata di ossigeno.

Si vendono a raffica gli scheletri di plastica per far posto poi, sugli scaffali, agli alberi di Natale, pure questi di plastica nel rispetto di una tradizione sempre più paganeggiante.

 

Ma della culla con il Bambin Gesù, della mucca e l’asinello e di Gaspare,Melchiorre e Baldassarre, i tre Re Magi chi ne parla più?

 

Sarà che fra un po’ avremo i teschi al posto delle palline di natale colorate sull’albero e le luci giallo cimitero al posto delle lucine bianche a intermittenza?

 

Tutto può accadere quando il dio del marketing comanda.

 

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    halloweennataleusabusiness
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci

    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci


    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.