A- A+
Lavoro
Cassazione: motivare i licenziamenti dovuti all'anzianità
logo fondazione studi
 

E' obbligatorio motivare i licenziamenti dei dipendenti pubblici che hanno raggiunto i limiti di anzianità. A specificarlo è la Corte di Cassazione con la sentenza n. 11595/2016 depositata il 6 giugno 2016 ed anticipata sul Sole24Ore del 07/06/2016. Il recesso, secondo i giudici della Suprema Corte, deve essere sempre accompagnato da una motivazione esplicita, anche quando ricorre in un periodo in cui le norme non lo prevedono espressamente, perché solo esplicitando la giustificazione si può ritenere legittima la scelta.

A chiedere la motivazione esplicita sono le regole europee, che nella gestione dei rapporti di lavoro vietano le discriminazioni dettate dalla religione, da convinzioni personali, da handicap e da tendenze sessuali, ma anche quelle discriminazioni legate all’età del dipendente(direttiva 2000/78/Ce). Con questa sentenza la Cassazione ha così dato ragione a due lavoratori di un Comune lombardo, che nel 2008 erano stati licenziati poiché avevano raggiunto i 40 anni di anzianità contributiva.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.