A- A+
Lavoro
Ennesimo ingorgo di scadenze di fine anno
logo fondazione studi
 

Il lungo calendario di scadenze fiscali e previdenziali, iniziato il 16 novembre con il pagamento delle rate mensili e trimestrali dell’Iva, continuerà implacabile fino all'ultimo giorno dell'anno. Tra novembre e dicembre si sfiora la soglia delle 500 scadenze per professionisti e contribuenti. Un numero spropositato anche per un intero anno fiscale. Dopo aver messo mano al portafogli per il saldo di IMU e Tasi, i sostituti d’imposta - in ritardo - dovranno trasmettere il modello 770/2015 entro il 19 dicembre. Stessa cosa anche per il modello Unico/2015, che dovrà essere inviato entro il 29 dicembre, pagando la sanzione prevista per l’invio tardivo. ll termine ultimo per versare l’acconto IVA è, invece, il 28 dicembre. Agli intermediari tocca, poi, la stampa del Libro Unico del lavoro e l’invio telematico Uniemens entro il 31 dicembre.

I Consulenti del Lavoro, che da tempo denunciano questa situazione, auspicano un immediato riordino delle scadenze tributarie e previdenziali. “Siamo palesemente in presenza di provvedimenti che si accavallano - ha dichiarato Rosario De Luca - e che inevitabilmente complicano le attività di studio, anche in virtù delle difficoltà delle software house di rilasciare release in tempo utile per poter rispettare le scadenze fissate dalla normativa. Per questi motivi non è più prorogabile, ormai, un intervento che razionalizzi le varie scadenze”. 

Leggi il documento

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.