A- A+
Lavoro
Figli che non seguono i padri
logo fondazione studi
 

Solo il 3,8% dei professionisti - intervistati dal Censis per un rapporto dal titolo “Le professioni in Italia: una ricchezza per l’Europa” -  tra i fattori determinanti nella scelta di mettersi in proprio ha indicato il desiderio di portare avanti un’attività familiare già ben avviata. La percentuale si fa poco più ampia in corrispondenza delle professioni di stampo giuridico (7,1%) ed economico-sociale (6,4%), per le quali uno studio professionale già avviato e la rete di relazioni col mercato costituiscono un fattore di competitività più importante e che in termini di scelte professionali rappresentano un aspetto non trascurabile, anche se ampiamente secondario rispetto ad altri.

Molti dei professionisti oggi sul mercato, del resto, si configurano a tutti gli effetti come dei newcomers, che sono in tutto e per tutto artefici unici del percorso professionale intrapreso. Contrariamente all’immagine un po’ stereotipata che ancora prevale presso larga parte dell’opinione pubblica, l’approdo al lavoro professionale avviene autonomamente e “solo” il 5,6% degli intervistati è “subentrato” nello studio di famiglia, mentre la stragrande maggioranza – l’88,6% – ha avviato una nuova attività professionale, creando da sé il proprio lavoro: il 71,7% per conto proprio, il 16,9% assieme ad altri professionisti.

Rispetto a questo tema due aspetti appaiono dirimenti per comprendere le trasformazioni che stanno investendo l’esercizio dell’attività libero professionale da una parte, e le peculiarità delle sue singole anime dall’altra.

Il primo concerne la vitalità del tessuto professionale. Tra le professioni autonome della salute e dell’area tecnica si osserva una più forte incidenza di nuove attività avviate (rispettivamente l’89,8% e il 92,9% degli intervistati ha avviato una nuova attività autonoma), un fiorire di iniziative professionali, per proprio conto o in associazione, che rimescola il mercato e le posizioni in esso acquisite. Maggiori sono gli spazi potenziali di attività e più forte è la competizione in queste branche, in cui le nuove professioni che si sono sviluppate e le trasformazioni apportate a livello di regolamentazione e di assetto organizzativo hanno indotto un più vivace germogliare di nuove attività libero professionali, che invece sul fronte economico e giuridico sono state in parte attenuate dall’esistenza di attività di famiglia consolidate che si “tramandano”, e nelle quali sono stati in più casi assorbiti i professionisti (rispettivamente il 10,2% e il 12% sono “subentrati”).

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano

Scatti d'Affari
Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano


casa, immobiliare
motori
Honda Civic e:HEV: l’ibrida in chiave sportiva

Honda Civic e:HEV: l’ibrida in chiave sportiva


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.