A- A+
Lavoro
Illeciti amministrativi: l'estinzione dal 1° gennaio
logo fondazione studi
 

A partire dal 1° gennaio 2016, per effetto della proceduta di stabilizzazione disciplinata dall’articolo 54 del Dlgs 81/2015, i datori di lavoro privati che assumono, con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, soggetti che siano già stati parti di cococo (anche a progetto) o titolari di partita Iva, beneficeranno dell'estinzione degli illeciti contributivi, assistenziali e fiscali legati all'erronea qualificazione del rapporto di lavoro pregresso.

Per farlo bisognerà stipulare con il lavoratore un atto di conciliazione in base all’articolo 2113 del Codice Civile. La seconda condizione è che nei dodici mesi successivi all'assunzione i datori di lavoro non recedano dal rapporto, se non per giusta causa o giustificato motivo soggettivo. Il verbale di conciliazione dovrà contenere una rinuncia a qualsiasi pretesa riguardante la qualificazione del pregresso rapporto di lavoro. La “sanatoria” dagli illeciti non sarà riconosciuta in caso di assunzioni con contratto a termine, voucher o lavoro intermittente anche alla luce delle finalità della legge di promuovere l’occupazione con assunzioni stabili. Non si estenderà, inoltre, agli illeciti già accertati prima dell'assunzione. Non è previsto un arco temporale di efficacia della procedura: questa potrà essere, dunque, usata dai datori di lavoro privati per ottenere la "sanatoria" senza limiti di tempo, salvi solo gli illeciti accertati da ispezioni.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.