A- A+
Lavoro
Intermittenti: scadenza al 27/06 per controllo delle 400 giornate lavorate
logo fondazione studi
 

Scade il 27 giugno il primo triennio (decorrente dal 28 giugno 2013) di applicazione del tetto massimo di impiego dei lavoratori intermittenti. Il decreto legge 76/2013 ha impresso un giro di vite a questa tipologia di rapporto di lavoro e, lasciando immutati i limiti di carattere oggettivo o soggettivo per il ricorso a questo contratto, ha imposto una restrizione nell'utilizzo.

La norma però ha limitato l’utilizzo e per ogni dipendente con lo stesso datore di lavoro il massimo è di quattrocento  giornate nell’arco temporale di tre anni solari. La disposizione individua anche gli ambiti esclusi dalla limitazione: si tratta dei settori del turismo, dei pubblici esercizi e dello spettacolo. Il monitoraggio delle prestazioni, per verificare il superamento del tetto, va effettuato partendo dal giorno in cui il lavoratore intermittente deve essere occupato e andando indietro nel tempo di tre anni. Tale conteggio deve tenere conto solo delle giornate di effettiva attività prestate dopo l' entrata in vigore della norma stessa. Le conseguenze derivanti dal mancato rispetto del limite sono rilevanti: un eventuale superamento del tetto delle quattrocento giornate determina la trasformazione del rapporto in un "normale" contratto di lavoro a tempo pieno e indeterminato dalla data in cui si verifica il superamento del limite.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO

Lo scherzo e l'imprevisto

Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


motori
Nuova Peugeot e-208, 400 km di autonomia grazie ad un nuovo motore elettrico

Nuova Peugeot e-208, 400 km di autonomia grazie ad un nuovo motore elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.