A- A+
Lavoro
Licenziamento dopo l'aspettativa
logo fondazione studi
 

Licenziamento legittimo dopo il periodo di comporto, anche se è seguita l’aspettativa richiesta dal lavoratore. Un dipendente, dopo la scadenza dei termini di comporto (periodo massimo di conservazione del posto dopo la malattia), aveva richiesto un periodo di aspettativa non retribuita. Il datore di lavoro l’aveva concessa, nonostante la richiesta fosse pervenuta oltre i limiti di tempo previsti dal Ccnl di categoria applicato. Al termine del periodo di aspettativa, il dipendente, nonostante l’invito del datore, non ha ripreso servizio ed è stato licenziato per superamento del periodo di comporto. Dopo l’impugnazione del licenziamento ed i vari gradi di giudizio, la Corte di Cassazione con la sentenza n.6697/16, ha stabilito che la concessione del periodo di aspettativa, anche se richiesto e concesso dopo l’esaurimento del periodo di comporto, non implica una tacita rinuncia da parte del datore di lavoro al recesso, ma solo un trattamento di miglior favore accordato e non può nemmeno comportare l’affidamento del dipendente circa la prosecuzione del rapporto di lavoro.

La Cassazione, richiamando il principio contenuto nella sentenza n.12233/13 ha, infatti, evidenziato che nel caso di concessione di un periodo di aspettativa, i limiti temporali per poter procedere al licenziamento per superamento del comporto, vanno dilatati sino a ricomprendere la durata dell’aspettativa.

Nel caso specifico, essendo intervenuto il licenziamento pochi giorni dopo la cessazione del periodo di aspettativa, il recesso è stato ritenuto pienamente legittimo, in quanto aderente ai principi sopra richiamati.La valutazione sull’inerzia del datore di lavoro, infatti, poteva essere effettuata solo dal momento dell’effettivo rientro in servizio del dipendente a seguito del periodo di aspettativa.

Una precedente posizione della Corte di Cassazione (sentenza n.20722/15) affermava come il superamento del periodo di comporto vada valutato nell’immediata scadenza e non dopo la riammissione in servizio.

Nel caso specifico il lavoratore, al termine del periodo di malattia che aveva determinato il superamento del periodo di comporto, era stato riammesso in servizio, posto in ferie e dopo alcuni mesi licenziato. Nemmeno i successivi eventi avvenuti nel periodo di riammissione quali le ferie, una nuova malattia e la concessione di un ulteriore periodo di riposo, per la Corte, possono spiegare alcuna rilevanza sul licenziamento, trattandosi di fatti non connessi a quelli che hanno determinato il superamento del periodo di comporto.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena


casa, immobiliare
motori
BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3

BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.