A- A+
Lavoro
Licenziamento per insulto al superiore anche senza gesti violenti
logo fondazione studi
 

Licenziamento in tronco giustificato per insulto al superiore gerarchico, anche se non concretizzato in gesti violenti o non previsto come tipo sanzione dal contratto collettivo. E' quanto ha stabilito la Corte Suprema di Cassazione con la sentenza n.9635/2016, depositata l'11 maggio 2016. Per i giudici, l'ingiuria al proprio superiore costituisce un comportamento che sul piano organizzativo mina l'autorità di chi viene offeso e, quindi, compromette il regolare funzionamento dell'organizzazione aziendale.

La sentenza arriva a seguito del licenziamento di un lavoratore che aveva rivolto delle espressioni ingiuriose nei confronti di un superiore gerarchico e, indirettamente, di tutta la dirigenza aziendale. Il licenziamento era stato dichiarato illegittimo in primo grado e in appello in quanto gli insulti verbali non si erano tradotti nel rifiuto di svolgere la prestazione, e comunque avevano un contenuto privo di intenti realmente offensivi e aggressivi, trattandosi piuttosto di semplici abitudini lessicali. Giudizio ora ribaltato dalla Cassazione. 

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Grandine-temporali al Nord Caldo super africano al Sud

Previsioni Meteo

Grandine-temporali al Nord
Caldo super africano al Sud

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.