A- A+
Lavoro
Pubblicato il rapporto annuale sulle comunicazioni obbligatorie 2016
logo fondazione studi
 

Pubblicato il 7 giugno 2016, sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Rapporto annuale sulle Comunicazioni Obbligatorie 2016, che descrive le dinamiche del mercato del lavoro dipendente e parasubordinato nel triennio 2013-2015. Le statistiche contenute nella pubblicazione - curata dalla Direzione Generale dei Sistemi Informativi, dell'Innovazione Tecnologica e della Comunicazione, dall'Ufficio di Statistica del Ministero del Lavoro e da Italia Lavoro – sono inerenti il flusso dei contratti di lavoro dipendente e parasubordinato in tutti i settori economici, compresa la Pubblica Amministrazione, e considerano anche i lavoratori stranieri presenti solo temporaneamente in Italia. Esclusi, invece, i lavoratori autonomi.

Il rapporto che si compone di sette capitoli e due box tematici esamina l'andamento del mercato occupazionale e analizza i dati trimestrali su attivazioni e cessazioni dei rapporti di lavoro nel triennio considerato, con un approfondimento sui contratti a tempo determinato di breve e brevissima durata; le caratteristiche delle nuove attivazioni dei rapporti di lavoro, con un focus sulla dinamica trimestrale di quelli a tempo indeterminato; le trasformazioni dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato, evidenziando l'impennata di tale fenomeno nel corso del 2015; e l'analisi dei rapporti di lavoro cessati analizzando l'articolazione territoriale e settoriale e le varie tipologie contrattuali. Il testo esamina, inoltre, le caratteristiche dei tirocini extracurriculari, evidenziando la dinamica positiva dovuta essenzialmente agli interventi previsti nell'ambito della Garanzia Giovani.

Spazio è dedicato all'analisi regionale che mette in risalto un Italia a due velocità e, sebbene rispetto all'anno precedente la crescita delle attivazioni si è registrata su tutto il territorio nazionale, performance migliori si sono registrate nelle principali regioni del Nord e del Lazio.  Si affronta, poi, per la prima volta l'analisi del lavoro somministrato, sia in termini di rapporti di lavoro tra agenzia di somministrazione e lavoratore, sia riguardo le missioni che il lavoratore è inviato a fare presso aziende terze. Inoltre, relativamente alle tipologie contrattuali utilizzate dai datori di lavoro, è avvenuta una sostanziale ricomposizione: il rapporto a tempo determinato, pur restando il più numeroso tra quelli attivati, diminuisce in valore assoluto a fronte di un deciso aumento dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato.

Dalla lettura del documento emerge, dunque, un mercato del lavoro contraddistinto da diverse complessità ma migliorato da importanti e recenti interventi legislativi, come l'introduzione di una riforma complessiva dovuta a quella strutturale del Jobs Act, alla decontribuzione e alla riduzione Irap introdotte dalla Legge di Stabilità 2015. Evidenti però le difficoltà che riguardano l'occupazione giovanile e femminile.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
RenauBility: al via l’open innovation di Renault Italia

RenauBility: al via l’open innovation di Renault Italia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.