A- A+
Lavoro
Spazio alla contrattazione di secondo livello
logo fondazione studi
 

Il decreto legislativo sul riordino delle tipologie contrattuali in vigore dal 25 giugno scorso, valorizza in maniera marcata il ruolo della contrattazione di secondo livello.

Il decreto legislativo n.81/2015, infatti, all’articolo 51 si occupa di regolare le norme di rinvio ai contratti collettivi prevedendo che salvo diversa previsione, ai fini del decreto, per

contratti collettivi si intendono i contratti collettivi nazionali, territoriali o aziendali stipulati da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale e i contratti collettivi aziendali stipulati dalle loro rappresentanze sindacali aziendali ovvero dalla rappresentanza sindacale unitaria.

Dunque potranno essere anche i contratti di secondo livello, territoriali o aziendali, a regolare tutta una serie di istituti o comunque scelte che il decreto assegna agli attori negoziali, laddove non sia espressamente richiesto la stipulazione a livello nazionale.

Esaminando il decreto, la previsione contenuta al citato articolo 51, è tutt’altro che limitata a poche ipotesi.

Infatti, sono diverse le tipologie contrattuali che assegnano al secondo livello di contrattazione - coerentemente con la capacità per tali associazioni sindacali di rappresentare meglio le esigenze aziendali sia dei datori di lavoro che dei lavoratori – la prerogativa di procedere alla regolamentazione.

Basti pensare, ad esempio, al contratto a tempo determinato per il quale, rispetto alla disciplina previgente, la nuova regolamentazione dei limiti prevede salvo diversa disposizione dei contratti collettivi non possono essere assunti lavoratori a tempo determinato in misura superiore al 20 per cento del numero dei lavoratori a tempo indeterminato in forza al 1° gennaio dell'anno di assunzione, con un arrotondamento del decimale all'unita' superiore qualora esso sia eguale o superiore a 0,5. Nel caso di inizio dell'attivita' nel corso dell'anno, il limite percentuale si computa sul numero dei lavoratori a tempo

indeterminato in forza al momento dell'assunzione.

Come si può notare, rispetto alla disciplina previgente saranno ora i contratti aziendali o territoriali a poter gestire situazione particolari e quindi modificare la disciplina legale ovvero quella prevista dai contratti collettivi nazionali.

Unico aspetto da tenere in considerazione riguarda il grado di rappresentanza.

Infatti, sarà necessario che a stipulare gli accordi siano esclusivamente le articolazioni territoriali  delle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale ovvero le loro rappresentanze eventualmente presenti in azienda (RSA o RSU).

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Chiara Ferragni e tata Rosalba Incredibile stipendio per la nanny

Spettacoli

Chiara Ferragni e tata Rosalba
Incredibile stipendio per la nanny

i più visti
in vetrina
Meteo, agosto pazzo. Temporali e caldo africano. Ecco dove e quando

Meteo, agosto pazzo. Temporali e caldo africano. Ecco dove e quando


casa, immobiliare
motori
A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km

A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.