A- A+
Lavoro
Stop per il 2016 alla tassa sui licenziamenti
logo fondazione studi
 

Prorogata per tutto il 2016 l’esenzione dal pagamento del contributo addizionale sui licenziamenti a carico delle aziende che interrompono rapporti di lavoro a tempo indeterminato in conseguenza di cambio appalto, allorché i licenziamenti siano seguiti da assunzioni presso altri datori di lavoro, in attuazione di clausole sociali. L'esenzione, che in origine era prevista per il periodo 2013-2015, è stata estesa anche per quest’anno grazie al decreto "Milleproroghe".

L'articolo 2 della legge 28 giugno 2012 n. 92, oltre ad aver previsto l'istituzione dell'Aspi (ora sostituita dalla Naspi), ha anche introdotto un contributo aggiuntivo sui licenziamenti a carico dei datori di lavoro. Il pagamento del contributo opera, tuttavia, solo a condizione che si ricada in un'ipotesi di licenziamento la cui causa dia diritto all'Aspi (ora Naspi). Il contributo si calcola applicando una percentuale fissa del 41% al massimale mensile Naspi e poi moltiplicando tale importo per ogni periodo di 12 mesi di anzianità aziendale del lavoratore (fino a un massimo di 36 mesi).

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO

Lo scherzo e l'imprevisto

Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


motori
Nuova Peugeot e-208, 400 km di autonomia grazie ad un nuovo motore elettrico

Nuova Peugeot e-208, 400 km di autonomia grazie ad un nuovo motore elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.