A- A+
Lavoro
Philip Morris: prima azienda certificata "Equal Salary " in Italia

Philip Morris Italia e Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna sono le prime aziende in Italia certificate per parità di retribuzione a parità di lavoro tra uomini e donne

Philip Morris Italia e Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna annunciano oggi ufficialmente il conseguimento della certificazione “EQUAL-SALARY”, attestato dall’omonima Fondazione. Si tratta delle prime realtà aziendali in Italia ad ottenere tale riconoscimento, a testimonianza dell’impegno concreto di Philip MorrisInternational (PMI) a favore della parità di genere.

L’azienda, leader mondiale nei prodotti del tabacco, è attualmente protagonista di un percorso di profonda trasformazione del proprio business, attraverso il quale punta a eliminare completamente le sigarette a favore di prodotti alternativi al fumo. Per affrontare questa sfida, in un momento storico caratterizzato da cambiamenti estremamente rapidi, PMI si sta impegnando per garantire e valorizzare una cultura inclusiva, che risolva – in primo luogo - il divario di genere.

“Il successo della nostra azienda dipende da un ambiente ricco di talenti e fortemente diversificato, dove ogni persona, senza alcuna distinzione, può apprendere, crescere e sviluppare opportunità di carriera. Questo significa prima di tutto che gli uomini e le donne devono essere retribuiti in modo equo e paritario” ha dichiarato Paolo Le Pera, Direttore Risorse Umane del gruppo Philip Morris in Italia, che ha aggiunto “la parità salariale è una tappa fondamentale per arrivare ad una vera parità di genere nel mondo del lavoro. Essere la prima azienda certificata ‘EQUAL-SALARY’ in Italia significa non solo valorizzare i principi di uguaglianza che caratterizzano un ambiente inclusivo e dinamico, ma anche farsi ambasciatori di un tema che crediamo sia di importanza vitale per il nostro Paese.”

Philip Morris International: prima multinazionale certificata "EQUA-SALARY" a livello mondiale

Philip Morris International è la prima multinazionale al mondo ad aver intrapreso il processo di certificazione “EQUAL-SALARY” con l’omonima Fondazione a livello globale. A partire dal 2015 infatti, PMI ha deciso di coinvolgere le affiliate di tutti i paesi in cui è presente per sottoporsi ai processi di verifica necessari a ottenere la certificazione Global Equal Salary, diventando oggi la prima multinazionale ad essere certificata in tutto il mondo. La certificazione si aggiunge a uno sforzo crescente dell’azienda a favore di una realtà egualitaria e inclusiva, che punta anche araggiungere l’ambizioso target del 40% di presenza femminile nelle posizioni manageriali entro la fine del 2022.

Secondo Véronique Goy Veenhuys, Fondatrice e CEO della Fondazione EQUAL-SALARY: “PhilipMorris Italia e Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna possono essere orgogliose della Certificazione “EQUAL-SALARY”. Anche se oggi la parità di retribuzione a parità di lavoro svolto non è ancora così scontata, l’impegno profuso da aziende come le due affiliate italiane di Philip Morris International è un passo in avanti più che benvenuto verso il raggiungimento della parità retributiva nel mondo e dà il suo contributo a una sfida più vasta, ossia colmare il divario retributivo di genere.”

Philip Morris International: obiettivo costruire un mondo senza fumo

Philip Morris International (PMI) sta guidando la trasformazione del mondo del tabacco: vuole creare un futuro senza fumo con lo scopo di sostituire le sigarette a beneficio di tutti quei fumatori adulti che altrimenti continuerebbero a fumare, della Società, dell’azienda e dei suoi dipendenti, degli azionisti. PMI è tra le aziende leader nel mercato dei tabacchi lavorati, dei prodotti senza combustione, inclusi i loro dispositivi elettronici e accessori, nonché degli altri prodotti contenenti nicotina commercializzati al di fuori del mercato statunitense. PMI sta costruendo il proprio futuro grazie alla categoria dei prodotti senza fumo che, seppure non siano privi di rischi, rappresentano una valida alternativa alla sigaretta tradizionale. Grazie alle competenze multidisciplinari impiegate nello sviluppo dei suoi prodotti, alle infrastrutture all’avanguardia e alla validazione della ricerca scientifica,

PMI vuole assicurarsi che i suoi prodotti senza combustione possano incontrare le preferenze dei suoi consumatori e i rigorosi requisiti previsti dalla legge. Il portfolio di prodotti senza fumo include prodotti a tabacco riscaldato e vaporizzatori di nicotina. PMI ha stimato che, al 31 dicembre 2018, circa 6.6 milioni di fumatori adulti nel mondo hanno già smesso di fumare sigarette e sono passati ad IQOS, il dispositivo che scalda il tabacco che è al momento disponibile in 44 mercati – a livello nazionale o solo in alcune città. Per ulteriori informazioni si può visitare il sito di PMI e quello di PMI Science.

Commenti
    Tags:
    philip morrisequal salaryphilip morris italiaphilip morris manufacturing & technology bolognaphilip morris internationaltabaccoparità di genere
    in evidenza
    Diletta Leotta sotto l'ombrellone la temperatura è bollente, le sue curve sono mozzafiato

    Vacanze in Sardegna, insieme alla mamma

    Diletta Leotta sotto l'ombrellone la temperatura è bollente, le sue curve sono mozzafiato

    i più visti
    in vetrina
    Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

    Caldo record e rincari
    Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare


    casa, immobiliare
    motori
    Renault apre i preordini online di Nuovo Austral

    Renault apre i preordini online di Nuovo Austral


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.