A- A+
Lavoro
Voucher INPS baby sitting e asili nido: sostegno alle neomamme
logo fondazione studi
 

Le mamme lavoratrici possono fare domanda per ottenere, al termine del congedo di maternità ed entro gli 11 mesi successivi, in alternativa al congedo parentale, voucher per l’acquisto di servizi di baby sitting, ovvero un contributo per le spese dell’asilo, per un massimo di 6 mesi.

I voucher INPS sono un’agevolazione che lo Stato riconosce alle neomamme lavoratrici dipendenti pubbliche e private, lavoratrici iscritte alla gestione separata INPS e libere professioniste non iscritte ad altra forma previdenziale obbligatoria e non pensionate.

In caso di più figli, è possibile presentare una domanda per ciascun figlio, purché la lavoratrice rientri nelle categorie sopracitate e possieda i requisiti d’accesso.

Ivoucher per l’acquisto di servizi di baby sitting vengono erogati attraverso il sistema dei buoni lavoro del valore di 600 euro al mese per un massimo di 6 mesi. Tali buoni devono essere ritirati dalla mamma lavoratrice presso la sede provinciale INPS territorialmente competente e può decidere se ritirare interamente i voucher che le spettano, oppure scegliere di ritirarli a cadenza mensile. In entrambi in casi deve effettuare, prima dell’inizio della prestazione, la comunicazione preventiva di inizio prestazione, indicando oltre al proprio codice fiscale, quello della prestatrice, il luogo di svolgimento della prestazione e le date di inizio e fine dell’attività lavorativa. Il contributo economico di 600 euro per l’asilo nido pubblico o privato, invece, viene erogato mediante il pagamento diretto della struttura scolastica scelta dalla madre, previo rilascio da parte dell’asilo della documentazione attestante la frequenza del bambino alla struttura stessa.

Il beneficio si deve richiedere all’INPS esclusivamente tramite procedura on line accedendo direttamente tramite PIN dispositivo, o tramite gli intermediari abilitati (esempio Consulenti del lavoro).

Nella domanda dovranno essere inserite le informazioni riguardanti il tipo di beneficio al quale s’intende accedere, il periodo di fruizione del beneficio (specificando il numero di mesi), la dichiarazione di rinuncia alla fruizione del corrispondente numero di mesi di congedo parentale e la dichiarazione di presentazione di ISEE conforme alla vigente normativa.

L’INPS provvederà ad avvisare il datore di lavoro della neomamma della proporzionale riduzione del periodo di congedo parentale conseguente alla concessione del contributo.

 

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Paragone, picconate a Burioni "Ti ho denunciato e...". VIDEO

Politica

Paragone, picconate a Burioni
"Ti ho denunciato e...". VIDEO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.