A- A+
Marketing
"Ma cosa hai messo nel caffè?". Kimbo non ci sta ai voti dati da Report

Dopo il servizio di Report “Ma cosa metti nel caffè?” del 21 ottobre scorso, che ha nuovamente indagato sulla bevanda nazional popolare dando valutazioni negative sulle capsule sotto indagine, Kimbo scende in campo rispondendo alle perplessità sollevate dal servizio televisivo e invitando degli assaggiatori indipendenti a provare la bontà del proprio prodotto. “Condividiamo in toto quanto già affermato da altri torrefattori circa le improprie modalità di esecuzione dei test sul caffè effettuati da Report”, si legge in una nota dell’azienda napoletana. “La perplessità rispetto ai risultati comunicati durante la trasmissione, ci ha spinto ad invitare presso il nostro Training Center, Dario Ciarlantini (Coffee expert, Trainer autorizzato Sca, nella foto) per avere una valutazione tecnica ed imparziale sulle nostre capsule e per condividere il suo punto di vista sull’argomento. Come è stato già rimarcato da numerosi esperti e torrefattori negli ultimi giorni, anche Ciarlantini ha precisato che confrontare Arabica e Robusta utilizzando gli stessi parametri, è come valutare un vino rosso con i parametri di un vino bianco. Arabica e Robusta hanno caratteristiche diverse, ma in un espresso entrambi servono a creare una miscela bilanciata ed equilibrata. Soprattutto se si vuole incontrare il gusto di tutti i consumatori. Spesso e volentieri la Robusta viene associata a qualcosa di negativo. Non lo ritengo corretto in assoluto: ci sono ottime Robusta che, con le loro caratteristiche peculiari, danno un contributo positivo alla miscela”.

“Kimbo  -continua la nota- è da sempre simbolo del buon caffè italiano e ambasciatore della tradizione napoletana dell'espresso nel mondo. Oggi, più che mai, possiamo fortemente sostenere che, per soddisfare le richieste dei consumatori, selezioniamo le migliori origini di Arabica e di Robusta, le misceliamo e le tostiamo alla perfezione, per incontrare il gusto di chi ama il caffè.  Relativamente alle nostre capsule, anch’esse oggetto dell’analisi condotta da Report, avevamo già avuto nel maggio scorso, un’ottima valutazione sulla rivista “Il Salvagente - leader nei test di laboratorio contro le truffe ai consumatori”. La rivista ha selezionato undici capsule “intense” del mercato. Tra queste, la capsula Kimbo  è risultata la migliore del mercato, con un giudizio complessivo di 9 su 10. Ma per dare ancora maggiore valore all’ analisi aziendale, Kimbo ha effettuato un blind test con Dario Ciarlantini e Hung Le Trung (Coffee expert, Q-Arabica grader, Q-Robusta grader).

Questi i risultati sui caffè in capsule:                                                                                                                      Capsula Kimbo Intenso    > valutazione complessiva 6/10                                                                                    Capsula Kimbo Napoli      > valutazione complessiva 6/10                                                                                  Capsula Kimbo Armonia > valutazione complessiva 7,5/10                                                                                  Capsula Kimbo 5 Origini > valutazione complessiva 8,5/10

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    bevandaneroespressonapoletano
    in vetrina
    Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

    Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

    i più visti
    motori
    Maserati Grecale, ultimi test estremi nelle radure svedesi

    Maserati Grecale, ultimi test estremi nelle radure svedesi


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.