A- A+
Marketing
Marketing musicale: i 15 errori più gravi della storia, da Sanremo ai Beatles
Miley Cyrus in concerto: il prezzo dei biglietti per gli show live sta diventando un vero problema

14) Menti semplici, scelte cervellotiche

Curiosamente, il più grande successo commerciale dei Simple Minds è stato una canzone che non volevano incidere, non avendola scritta in prima persona. Parliamo ovviamente di “Don’t you (forget about me)”, il cui famoso “la/la-/la/la-la” finale avrebbe dovuto inizialmente essere rimpiazzato da un testo vero e proprio, ma il cantante Jim Kerr non ci voleva perdere troppo tempo, non credendoci fino in fondo. Ancora meno lungimiranti furono Billy Idol e Bryan Ferry, che scartarono il brano prima che finisse agli scozzesi. Da parte loro, i Simple Minds sono spesso inciampati in scelte sbagliate. Dall’esordio “Life in a day” pubblicato quando secondo gli stessi autori ancora non era pronto, all’incapacità di fare sintesi che nel 1981 portò alla pubblicazione di un doppio album, “Sons and Fascination/Sister Feelings Call”, in seguito venduto come due album separati. Le controversie con manager e discografici hanno avuto il loro picco nel 2000, quando il gruppo rimase senza contratto e l’album “Our secrets are the same” venne rinviato e poi piratato su Internet. In quel momento, i Simple Minds sembravano non avere più futuro e Kerr decise di fare l’albergatore in Sicilia, dove tuttora vive. Il loro ultimo disco è uscito lo scorso ottobre e si chiama “Direction of the heart”… come il lato B di una canzone dell’album precedente, ripubblicata in versione aggiornata. Per non smentirsi mai.

 

13) Il lungo addio dei R.E.M.

Alla Warner Bros non riescono a perdonarsi di aver decisamente sopravvalutato i R.E.M., offrendo loro un contratto da 80 milioni di dollari per cinque album. Un’attenuante c’è: la scelta risale al 1996, quando era ancora vibrante l’eco di album di grande successo come “Out of time” e “Automatic for the people”. Blindare la band di Michael Stipe sembrava la cosa più furba da fare, ma la successiva uscita dal gruppo del batterista Bill Berry aprì una crisi che non si è mai risolta. Il successivo album “Up” (1998) si rivelò un flop commerciale clamoroso, inaugurando un declino che si è trascinato stancamente fino al 2011, con lo scioglimento del gruppo. Giusto il tempo di pubblicare i suddetti cinque album incautamente prenotati, ma la festa era finita ormai da tempo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
beatlesmarketing musicalemetallicanapsterprincerolling stonessanremosimple mindsthe verveu2

in vetrina
Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere

Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere


motori
DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.