A- A+
Marketing
Utili per 6,6 milioni di euro nel consolidato di Italian Exhibition Group
Il management di IEG, da sinistra a destra: il d.g. Corrado Facco, il presidente e a.d. Lorenzo Cagnoni e il vicepresidente esecutivo Matteo Marzotto

Il Consiglio d’Amministrazione di Italian Exhibition Group SpA, ha approvato il progetto di Bilancio 2016 e il consolidato. I dati si riferiscono al Bilancio consolidato pro-forma al 31 dicembre 2016, ovvero come se la nascita di IEG fosse datata al 1 gennaio 2016 e il conto economico esprimesse l’intera attività delle aziende integrate nel corso dell’esercizio.
 
Il Fatturato consolidato pro-forma di IEG al 31 dicembre 2016 è pari a 124,8 milioni di euro (+10,6% sui 112,8 milioni di euro del pro-forma 2015). Il Margine Operativo Lordo (EBITDA2) al 31 dicembre 2016 ammonta a 21,9 milioni (+ 11,7% sul 2015). L’Utile Netto consolidato pro forma al 31 dicembre 2016 è pari a 6,6 milioni (+ 20% sui 5,5 milioni di euro del 2015).
 
Al 31 dicembre 2016 la Posizione Finanziaria Netta è negativa per circa 40 milioni di euro, con un ottimo rapporto tra volume d’affari e livello del debito, ovvero perfettamente affrontabile. La PFN rimane sostanzialmente invariata rispetto alla PFN congiunta al 31/12/2015 di Rimini e Vicenza, nonostante la distribuzione dei dividendi ai Soci pari a 14 milioni di euro, i costi della prima tranche d’ampliamento del quartiere espositivo di Rimini e le scadenze degli ultimi pagamenti per la costruzione del nuovo padiglione 7 del quartiere espositivo vicentino.
 
Nel 2016, IEG, nel complesso delle sedi espositive e congressuali di Rimini e Vicenza, ha totalizzato 59 manifestazioni, 216 tra congressi ed eventi, 14.593 espositori, sfiorando i 2,5 milioni di visitatori.
 
Dati che posizionano IEG al secondo posto tra le fiere italiane per volume di fatturato e al primo per manifestazioni organizzate direttamente e redditività del business.

Si tratta di un risultato eccellente, per volume del fatturato, superiore a quello che IEG aveva posto a budget per il 2016. Anche l’utile ha mantenuto gli obiettivi e vengono rispettate le aspettative di distribuzione dei dividendi ai Soci. Un quadro che farà parte dei documenti di corredo alla futura quotazione in Borsa e che, nel mantenere il livello di fatturato e redditività, migliora le performance già ottime del 2015 e 2014.
 
Il management di IEG – in questo supportato dagli ottimi risultati del primo trimestre - è dunque confidente di raggiungere i risultati ambiziosi previsti dal budget 2017.
 
Sempre nel corso della seduta del 28 aprile scorso, il Consiglio d’Amministrazione di IEG ha deliberato una proposta di dividendo ordinario pari a 18 centesimi per azione (9,46 centesimi il dividendo ordinario dell'anno precedente e 6,5 quello del 2014) da sottoporre alla prossima Assemblea dei Soci.
 
 

Note dell'azienda:


1 Per bilancio pro-forma si intende il bilancio di Italian Exhibition Group SpA come se l’integrazione tra Fiera di Rimini e Fiera di Vicenza avesse avuto effetto dal 1 gennaio 2016 e quindi come  se il bilancio esprimesse nel conto economico l’intera attività svolta dalle due società nel corso del 2016. Per la modalità tecnica utilizzata per l’integrazione (conferimento dell’azienda Fiera di Vicenza in Rimini Fiera), il conto economico effettivo della società esprime l’intero 2016 di Rimini Fiera e i mesi di novembre e dicembre di Fiera di Vicenza,
 
2  L’EBITDA è rappresentato dal risultato operativo al lordo degli ammortamenti. L’EBITDA è una misura definita ed utilizzata dal Gruppo per monitorare e valutare l’andamento operativo del Gruppo, ma non è definita nell’ambito dagli IFRS; pertanto non deve essere considerata una misura alternativa per la valutazione dell’andamento del risultato operativo del Gruppo. La Società ritiene che l’EBITDA sia un importante parametro per la misurazione della performance del Gruppo in quanto permette di analizzare la marginalità dello stesso eliminando gli effetti derivanti da elementi economici non ricorrenti. Poiché l’EBITDA non è una misura la cui determinazione è regolamentata dai principi contabili di riferimento per la predisposizione dei bilanci consolidati del Gruppo, il criterio applicato per la determinazione dell’EBITDA potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri gruppi, e pertanto potrebbe non essere comparabile.
 
3 Le manifestazioni leader di Italian Exhibition Group SpA sono sottoposte a certificazione, tramite l’istituto ISFCERT riconosciuto da ACCREDIA, secondo la norma ISO 25639:2008 Exhibition Terminology and Measurement

Iscriviti alla newsletter
Tags:
italian exhibition group consolidato
in vetrina
Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

i più visti
motori
Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.