A- A+
MediaTech
Apple investe 1,7 miliardi in Europa. I Big Data diventano sostenibili

Apple investirà 1,7 miliardi di euro per costruire data center in Danimarca e Irlanda. Tutto sarà alimentato da energie rinnovabili e creeranno "centinaia di posti di lavoro". 

I data center, ha dichiarato la Mela, saranno operativi a partire dal 2017 e serviranno ad alimentare i servizi on line di Apple, da iTunes agli App Store fino a Siri. L'investimento dovrebbe essere suddiviso equamente tra Dublino e Copenaghen. L'Irlanda ha infatti confermato che riceverà circa 850 mila euro.

"Si tratta del più grande progetto mai realizzato da Apple in Europa", ha affermato il Ceo Tim Cook"Siamo entusiasti di poter espandere le nostre attività, creando centinaia di posti di lavoro e spingendo la nostra politica verde". 

Il data center in Irlanda sarà situato a Athenry, vicino al Galway, sulla costa occidentale, mentre in Danimarca è stata scelta la città di Viborg. Secondo il governo irlandese, il progetto dovrebbe creare 300 posti di lavoro, mentre quello Danese si è detto entusiasta per la creazione di quello che sarà uno dei data center "più grandi al mondo".

 

 

Tags:
applebig datagreendata centertim cook
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.