A- A+
MediaTech
Ancora guai per Apple. Il Fisco australiano a caccia della Mela

Apple-Fisco: nuovo round. Il gruppo guidato da Tim Cook, negli ultimi dieci anni avrebbe trasferito in Irlanda miliardi di dollari di profitti realizzati in Australia. La Mela avrebbe pagato in tasse appena 193 milioni di dollari australiani su un fatturato di 27 miliardi. Al Fisco è arrivato solo lo 0,7% del giro d'affari.

Meglio pagare in Irlanda, dove la tassazione sulle società è del 12,5%. Un espediente che ha consentito di trasferire in Europa utili per 8,9 miliardi di dollari australiani. In sostanza, su 100 dollari spesi in prodotti Apple, lo Stato australiano riesce a individuarne solo 60. Il resto sfugge.

Da tempo le multinazionali come Google, Apple e Amazon sono messe all'indice per la loro disinvolta politica fiscale. Ma al momento, tolti i propositi del G8 e dell'Ue (ed escluso il maldestro tentativo della webtax) non ci sono all'orizzonte concrete iniziative internazionali di sistema capaci di arginare lo strapotere di Golia.  

 

 

Tags:
applefiscoaustraliaevasione fiscale
in evidenza
Ludovica Pagani incanta Cannes Forme mozzafiato e abito Missoni

Il suo look infiamma la Croisette: FOTO

Ludovica Pagani incanta Cannes
Forme mozzafiato e abito Missoni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.