A- A+
MediaTech
Area Studi Mediobanca: per i big del settore televisivo un 2016 positivo
Area Stud Mediobanca: l'analisi dei 5 principali gruppi del settore televisivo nel periodo 2012-2016.

Area Studi Mediobanca: nel settore televisivo 2016 positivo per i tre operatori principali

 

 

Lo studio di R&S Mediobanca sul settore televisivo nel periodo 2012-2016 ha trovato l'ultimo anno positivo per i big del settore. I principali cinque operatori televisivi italiani sono stati analizzati nelle loro dinamiche - attraverso i bilanci dal 2012 al 2016 inclusi gli aggiornamenti disponibili per il 2017. Lo studio comprende, inoltre, il confronto fra il Gruppo Rai e le principali tv pubbliche europee.

Nel 2016 il settore «televisione e radio» in Italia incide per lo 0,5% del PIL nazionale. Nel 2016 il giro d’affari vale 9 miliardi di euro e registra una crescita del +6,5% sul 2015. La TV in chiaro genera i maggiori ricavi, ovvero 5 miliardi fi euro (+9,8%), seguita dalla Pay TV con 3,4 miliardi di euro (+2,6%) e dalla radio con 0,6 miliardi di euro (+3,2%). Nel nostro Paese il mercato è molto concentrato, con i tre operatori principali - Mediaset, Rai e Sky - che detengono congiuntamente quasi il 90% dei ricavi totali televisivi nazionali. In particolare, nel 2016 oltre l’80% dei ricavi totali della TV in chiaro è generato da Rai (49,9%) e Mediaset (32,8%). Nella TV a pagamento Sky si conferma di gran lunga il primo operatore con una quota del 77,1%, seguita da Mediaset con il 20,6%.

All’interno del sistema dell’informazione, il mezzo televisivo conferma la sua centralità sia per numero di fruitori raggiunti che per gli introiti generati. La TV in chiaro raggiunge la totalità del pubblico televisivo, pari a circa 25 milioni di famiglie, mentre la TV a pagamento è accessibile da poco più di un terzo della popolazione italiana (circa 9 milioni di famiglie).

 

 

Area Studi Mediobanca: lo scenario per i principali cinque Gruppi televisivi italiani

 

 

I ricavi aggregati dei cinque principali Gruppi televisivi italiani sono in ripresa: comprese le attività oltre confine, si attestano nel 2016 a 9,5 miliardi di euro (+6,8% sul 2015). Il dato è trainato dall’incremento del canone Rai (+16,7%), dalla pubblicità (+4,2%) e dalla Pay TV (+2,8%). A crescere maggiormente è Discovery Italia (+22,1% sul 2015). Mediaset - unico Gruppo a respiro internazionale - nel 2016 ha realizzato quasi un terzo dei propri ricavi all’estero, soprattutto in Spagna. Risulta quindi primo per fatturato totale con oltre 3,6€ mld, mentre Rai ha scalzato Sky Italia posizionandosi al secondo posto. Considerando invece solo i ricavi nazionali, Rai è il primo operatore nel 2016. Le stime per il 2017 prevedono di nuovo Sky Italia in prima posizione.

L'occupazione aumenta, seppur leggermente, attestandosi a 22.220 dipendenti nel 2016, con +0,7% sul 2015, ma in contrazione dell’1,1% sul 2012. Passando ai conti, i maggiori 5 Gruppi televisivi italiani hanno cumulato nel periodo 2012-2016 perdite nette per 1,3 miliardi di euro; solo Discovery chiude in utile con +23 milioni di euro.

La redditività industriale è in ripresa per tutti gli operatori: la top 3 per ebit margin 2016 è composta da Discovery (10,6%), Rai (3,8%) e Sky (2,4%). Da segnalare La7 che, pur con un ebit margin negativo (-15,7%), rispetto al 2012 recupera 34,1 punti percentuali. La struttura finanziaria è migliorata rispetto al 2012 e risulta mediamente solida, con i mezzi propri che rappresentano 1,4 volte i debiti finanziari. I più solidi nel 2016 sono La7 e Discovery (senza debiti finanziari) e Mediaset (capitale netto 1,7 volte l’indebitamento). Sky rafforza la propria solidità nel quinquennio, mentre il Gruppo Rai risulta il più fragile.

Sul capitolo investimenti si evidenzia un netto ridimensionamento: nel 2016 è confermato il trend decrescente (-99 milioni di euro, ovvero un terzo delle consistenze del 2012); nei 5 anni sono stati investiti in totale 1,4 miliardi di euro. La società che ha il miglior tasso di investimento è Sky.

 

 

Servizio pubblico: il confronto con i principali Paesi europei

 

 

In Europa Occidentale il giro d’affari nel 2016 del mercato televisivo è pari a 99,4 miliardi di euro (+1,8% sul 2015), con la TV a pagamento (45,1 miliardi di euro di ricavi e +2,5% sul 2015) che ha un peso maggiore, rispetto all’Italia, sul fatturato totale (dati ITMedia Consulting). Tra i maggiori Gruppi europei del servizio pubblico spiccano la britannica BBC con un giro d’affari di 5,8 miliardi di euro e la tedesca ARD con 5,6 miliardi: nel 2016 hanno registrato circa il doppio dei ricavi di Rai (2,8 miliardi di euro) e di France Télévisions (3 miliardi di euro); ultima la spagnola RTVE (1 miliardo). Rispetto al 2015, a crescere maggiormente sono Rai (+12,9%) e RTVE (+11,6%), mentre risultano in contrazione i ricavi di ARD (-1,1%).

Per redditività industriale (ebit margin), è sempre Rai a distinguersi (3,8%), seguita da ARD (2,3%) e France Télévisions (0,3%); marginalità negativa, invece, per RTVE e BBC (entrambe -0,4%). Sul fronte patrimoniale, nel 2016 RTVE e France Télévisions appaiono finanziariamente più solide, con debiti finanziari rispettivamente all’8,2% e al 31,2% del capitale netto. I Gruppi BBC e Rai registrano, invece, un indebitamento finanziario superiore ai mezzi propri (288,6% e 134,8%).

Per quanto riguarda gli investimenti, Rai ne effettua meno della metà di France Télévisions e BBC, ma più di RTVE. Il canone italiano è quello con il valore unitario più basso e la Rai è la TV pubblica che vanta il primato degli indici d’ascolto: nel 2016 abbiamo pagato 100 euro a testa, alla Rai ne sono rimasti 83; nel 2017 paghiamo 90 euro e 74 restano alla Rai. In Francia il canone è di 136 euro, nel Regno Unito di 169,9 euro e in Germania di 215,8 euro. Il basso canone unitario italiano è parzialmente compensato dalla pubblicità, non presente sulle reti BBC e RTVE, e limitata per quantità e fasce orarie in Francia e Germania.

 

 

Le quote di ascolto in Italia, primi Mediaset e Rai ma crescono Sky e Discovery

 

 

Tra il 2012 e il 2016 il divario di audience fra i principali 5 Gruppi televisivi italiani si è ridotto, ma il ruolo dei due operatori storici rimane significativo. Nel 2016 Rai e Mediaset si confermano come i due principali Gruppi, rispettivamente con il 36,7% e il 31,6% di quote di ascolto nel giorno medio. Seppur distanziati crescono Sky, che raggiunge il 7,9%, e Discovery, che tocca il 6,7%. Si assiste quindi a una ridistribuzione delle quote di ascolto dalle reti generaliste verso i canali tematici.

Tags:
area studi mediobancasettore radiotelevisivobilanci 2012-2016mediasetskyraiservizio pubblico
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

Scatti d'Affari
Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


casa, immobiliare
motori
Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car

Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.