A- A+
MediaTech

E' morto Giuseppe Baiocchi, 63 anni, giornalista, ex direttore della 'Padania' e collaboratore di Affari. Nato nel 1950 a Milano inizio' come assistente di Giorgio Rumi alla cattedra di storia contemporanea della Statale di Milano quando fu convinto al giornalismo dal compagno di studi, Walter Tobagi, si legge nella sua biografia, sul sito de 'Linkiesta', blog col quale collaborava di recente. Un anno di lavoro ad Avvenire, 23 anni al Corriere della Sera fino al ruolo di caporedattore, dal 1999 al 2002 direttore de La Padania, e infine alla Rai di Milano. "Addio Giuseppe, giornalista vero, uomo di grande cultura, amico della gente semplice", scrive il segretario federale della Lega Nord, Roberto Maroni su Twitter.

Autore di diversi volumi su Tobagi, il giornalismo, il sindacato, Baiocchi ha scritto la biografia di Giuseppe Prisco ('Pazzo per l'Inter') e di recente, sui temi della bioetica, 'Se la vita si rianima'. L'ultimo libro, con prefazione di Giuseppe De Rita, e' la biografia non autorizzata di Umberto Bossi, 'Storia di uno che a modo suo ha fatto la storia'.

Tags:
giuseppe baiocchipadaniamaroni
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.