A- A+
MediaTech
Ascolti, ancora male Ballarò e DiMartedì. Affari lancia #troppitalk

Continua la caduta libera dei talk show. Su Rai3 Ballarò di Giannini ha raccolto davanti al video 1.601.000 spettatori con 6.84% (presentazione al 4.87% con 1.368.000 spettatori) mentre su La7 Floris, con il suo DiMartedì, è stato visto da 923.000 spettatori con il 4.02% di share.

NELLE SCORSE SETTIMANE - E' partita la sfida dei talk. Via al "Ballarò" di Giannini e al "diMartedì" di Floris. Il primo comincia citando Pulitzer e il buon giornalismo indipendente. Ma il direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino su Twitter avverte: "La proprietà in mano ai gruppi industriali, politici e finanziari, inficia". Floris commosso su La7: "Si comincia daccapo". I due si rincorrono su tutto, dagli ospiti (sempre i soliti) ai temi. Sfida anche a colpi di testimonial con l'ironia di Benigni su Rai3: "Saluto Prodi e i suoi 101 ospiti" e quella di Crozza sulla rete di Cairo con Renzi e i ministri nel mirino. Ma alla fine vince soprattutto la noia, raddoppiata. E Affari lancia su Twitter l'hashtag #troppitalk...

DATI AUDITEL - La sfida degli ascolti la vince nettamente Ballarò anche se gli ascolti si mantengono generalmente al di sotto delle aspettative per entrambi. Il programma condotto da Massimo Giannini infatti totalizza 2 milioni e mezzo di telespettatori con uno share dell'11,76%. Continua la tendenza negativa per Floris, che porta a casa solo 753 mila spettatori e uno share del 3,46%.

Senza titolo 1Il tweet di risposta a Giannini del direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino
 

LA SFIDA - "Il solito salotto". E' questo il commento più diffuso tra i telespettatori dei due talk show che governeranno la serata televisiva del martedì. Giannini prende le redini di Ballarò e comincia subito citando Pulitzer e lancia un messaggio ottimistico: "Ci sarà sempre spazio per un buon giornalismo, onesto e indipendente". Affari, attraverso il suo direttore Angelo Maria Perrino, si associa ma ricorda anche che la proprietà in mano a gruppi industriali, politici e finanziari rischia di inficiare il tutto. Floris invece parte commosso: "Ricominciamo daccapo, dopo tanti anni. E' difficile, è dura, ma è molto bello".

FLORIS, SEI SU LA7 O SU RAI3? - Floris, esule a La7, non è che sente poi tanto la mancanza di mamma Rai. O quantomeno, non si vedono molte differenze tra il programma che ha sempre condotto. diMartedì sembra davvero Ballarò: stessi ospiti, stesso team, stessa copertina comica, stessa scenografia, sembra persino lo stesso studio. Presenti Stefania Giannini, Debora Serracchiani, Manuela Repetti, Corrado Passera, Luigi Abete, la sindacalista Serena Sorrentino e il fondatore della gelateria di Grom, Guido Martinetti. Dall'altra parte Giannini schiera Graziano Delrio, Renato Brunetta, Maurizio Landini, Ferruccio De Bortoli, Mariana Mazzucato, Antonella Nonino. Insomma, quasi tutte le solite facce da talk.

I FACCIA A FACCIA E I COMICI - Floris e Giannini si inseguono anche su un altro (doppio) terreno. Quello delle interviste faccia a faccia e quello dei comici. Giannini intervista Romano Prodi in studio e unisce le cose con un lungo confronto con Roberto Benigni che saluta l'ex premier: "Saluto lui e i suoi 101 ospiti", ironizza sul Pd: "L'unica vera opposizione a Renzi" e lancia un messaggio positivo che sembra uno slogan: "Ricordiamoci del futuro". Floiris risponde con interviste a Pietro Grasso, monsignor Nunzio Galatino e il fondatore di Repubblica Eugenio Scalfari, affidando come di consueto la parte comica a Crozza che mette nel mirino Renzi e i suoi ministri: "Madia? Non esiste. Giannini, lei ha detto nel primo giorno di scuola: didattica, formazione, professionalità. I professori le hanno risposto: carta igienica, intonaco e seggiole".

Tags:
ballaròfloris

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.