A- A+
MediaTech
Barilla spegne 145 candeline, svelato il nuovo logo: tutte le novità

Barilla si rinnova, per l'anniversario arriva il nuovo logo e rafforza l'offerta green per il packaging

Barilla spegne 145 candeline. Il 2022, anno in cui Barilla celebra il suo 145° anniversario, si presenta ricco di novità coerenti con l'eredità del brand, indissolubilmente connesso alla storia italiana fin dal 1877 e ai suoi cambiamenti culturali e sociali, per proiettare il marchio nel futuro. Questo anniversario segna un cambiamento dell’immagine del brand, che si radica nel posizionamento di “Un Gesto d'Amore” portando al centro, ancora una volta, il valore emozionale della pasta

Dopo 25 anni, Barilla lancia così un nuovo logo e un nuovo pack come “Gesto d'Amore per il Pianeta”. Questa nuova visual identity e l'impegno verso la sostenibilità, sottolinea Gianluca Di Tondo, Global Chief Marketing Officer Barilla, "avvicinano ancora di più il brand Barilla alla nostra visione di futuro: la pasta come gesto d'amore non solo per le persone ma anche per il pianeta, grazie a scelte quotidiane più consapevoli. Oggi celebriamo i nostri 145 anni, abbracciando le sfide dei nostri tempi per evolvere come brand insieme alle persone".

Il nuovo logo Barilla, che si riconferma rosso e ovale, si rinnova in alcuni aspetti. Il nuovo ovale perde la sua componente bianca, storico riferimento alla pasta all'uovo, per descrivere al meglio l'ampia offerta del brand, più differenziata e inclusiva per rispondere ai bisogni in evoluzione del consumatore, come ad esempio la pasta integrale e la pasta senza glutine. Un rosso più intenso e premium è stato scelto per esprimere l'amore di Barilla per la pasta. 

È il perfetto complemento per il nuovo blu della marca Barilla. Al contempo, il logotipo è stato ridisegnato con l'intento di rinnovare i codici estetici: il risultato è così una personalità più stabile, solida e duratura. Inoltre, il nuovo logo celebra l'eredità del brand, punto fermo della storia italiana e simbolo da sempre di un Gesto d'Amore a tavola, introducendo l'anno di fondazione - 1877 - e il marchio registrato che ne enfatizza l'autenticità. Barilla è stato uno dei primi brand food a utilizzare confezioni in carta per la pasta: confezioni che si sono evolute con il passare del tempo, accompagnando le diverse epoche della storia italiana. 

Con la nuova visual identity, Barilla rimuove la finestra in plastica dalla confezione della celebre gamma Barilla Classica, riducendo significativamente l'uso di questo materiale in diversi Paesi in cui opera, tra cui l'Italia, con una diminuzione di circa 126.000 kg totali all'anno. Le nuove confezioni, completamente riciclabili e prodotte con cartone proveniente da foreste gestite responsabilmente, saranno presenti in Italia a partire dalla seconda metà del 2022.

Commenti
    Tags:
    anniversariobarillalogopackaging greenpastasostenibilità






    in evidenza
    Valentina Vignali sotto la giacca.. Madrid caliente. Le foto

    "Serve un defibrillatore"

    Valentina Vignali sotto la giacca.. Madrid caliente. Le foto

    
    in vetrina
    Carolina Stramare bomba sexy: lady Pellegri, bikini africano

    Carolina Stramare bomba sexy: lady Pellegri, bikini africano


    motori
    Opel lancia gli allestimenti interni vegani

    Opel lancia gli allestimenti interni vegani

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.