A- A+
MediaTech

di Fausto Lupetti

Il canone Rai in bolletta dell’elettricità fa male alla Rai e fa bene alla politica. I politici potranno contare su uno zoccolo duro che permette l’accesso all’opinione pubblica per farsi votare. Ne consegue che la rissa fra i partiti e la spartizione saranno la regola. La tv pubblica  diventa televisione del governo e di  stato. La Rai sembra ne tragga il vantaggio di stabilità economica con i 600 milioni stimati di introito fisso e garantito del canone. Ma non è così.

Perché la Rai fuori da ogni competizione si siede definitivamente e imperverseranno gli incapaci e i nominati. Inoltre non sarà possibile mettere sul mercato in futuro la Rai perché una televisione mantenuta dal canone che non si sa non quanto valga pubblicitariamente non lo vorrà nessuno e un patrimonio immenso sarà così disperso. Infine il canone Rai mantiene la situazione attuale, alla faccia delle riforme, e ingessa il mercato pubblicitario.

La Rai con il canone avrà un tetto pubblicitario invalicabile e così in particolare Mediaset si tiene la fetta più grande della torta pubblicitaria. Anziché espandersi il mercato pubblicitario televisivo sarà spartito a tavolino appunto a fette una a me e una a te come una torta. Bella idea di concorrenza e competizione di liberismo che esprime la politica. L’unica cosa seria da fare era quella di mettere sul mercato le due principali reti Rai, oggi che sono forti e hanno un valore. E mantenere una rete di servizio pubblico con un canone minimo e senza pubblicità come fanno in altri paesi. Ma fare queste cose oneste e trasparenti in Italia non si può. Siamo troppo furbi.

 

Tags:
canone raimanovra
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.