A- A+
MediaTech
Caso Facci, Tobagi si rivolta nella tomba

Quando molti anni fa Walter Tobagi, con un gruppo di giornalisti impegnati nelle redazioni e nel sindacato, diedero vita a STAMPA DEMOCRATICA, il loro intento era ribellarsi contro le pretese di imporre “un pensiero unico”. Sembra semplice – ma in concreto non lo è mai – far riconoscere che non è necessario condividere un’opinione per riconoscerle il diritto di essere espressa.

Il caso di Filippo Facci ha giustamente suscitato sorpresa e dissenso. Nel rispetto delle competenze dell’Ordine e dei suoi consigli di disciplina, che ancora non hanno pronunciato sentenze definitive, STAMPA DEMOCRATICA osserva che usare i “tribunali” deontologici per censurare le idee è un grave errore, che porta solo acqua al mulino di chi dell’Ordine auspica l’abolizione. Le idee, tutte, si possono e anzi si debbono discutere e criticare. Proprio la legge istitutiva dell’Ordine afferma che “è diritto insopprimibile dei giornalisti la libertà di informazione e di critica”.

Nessuno può essere criminalizzato soltanto perché dichiara di detestare un’ideologia o anche una religione. Non si può vietare un sentimento, compresi il disprezzo e l’odio; purché naturalmente non sfocino nella violenza. Proprio come non si può imporre l’amore per qualcuno, qualcosa, un’idea, una cultura una tendenza. Ricordiamo la lezione di quel grande giornalista e pensatore che era George Orwell: la conclusione del romanzo “1884” era l’obbligo sociale di “amare il Grande Fratello”. STAMPA DEMOCRATICA - ricordando come altre volte pronunce deontologiche di primo grado che criminalizzavano le opinioni sono state poi corrette o annullate – confida che i giornalisti, in prima linea nella difesa della libertà e dell’autonomia professionale tanto in Italia quanto all’estero, sapranno evitare le insidie del luogo comune, della censura, della voglia di ridurre a propaganda il mestiere di informare. Proprio come sosteneva Tobagi negli anni Settanta.

Tags:
falippo facci
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida

Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.