A- A+
MediaTech
Didi, l'Uber cinese raccoglie 1,6 miliardi di dollari in un mese

Uber è egemone in Europa e Stati Uniti, ma in Cina deve fare i conti con Didi. Il funzionamento è lo stesso: è possibile “affittare” un guidatore e la sua auto tramite app. Didi sta attraendo fiumi di finanziamenti. Il 16 maggio, Apple ci ha investito un miliardo di dollari. Adesso è arrivato un nuovo round da 300 milioni, raddoppiati da un prestito a lungo termine della China Life Insurance.

La società affianca così, nel capitale di Didi, Apple ma anche altri due giganti cinesi come Alibaba e Tencent (famosa in occidente soprattutto per WeChat). Uber non è da meno: in pochi mesi ha saputo raccogliere 3,5 miliardi di finanziamenti. Molti saranno giocati nello stesso campo di Didi, la Cina.

Se Didi è il leader attuale, con 300 milioni di clienti, Uber ha fissato come priorità strategica proprio il rafforzamento in Asia. Sarà molto più dura rispetto alla lotta con i concorrenti occidentali che, come Lyft, restano in secondo piano. Il mercato si evolve in fretta. Con pochi punti fermi e una certezza: i numeri dicono che la sharing economy applicata alla mobilità urbana è tra i settori che più interessa i (grandi) investitori.

Tags:
didiubersharing economychina life insurancestartupapple
in evidenza
Dazn spegne i rumors sulla Leotta E' confermata sulla Serie A . Le foto

Sport

Dazn spegne i rumors sulla Leotta
E' confermata sulla Serie A. Le foto

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Mercedes partnership con Phi Beach

Mercedes partnership con Phi Beach


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.