A- A+
MediaTech
Offese su Facebook? E' diffamazione. Linea dura della Cassazione

Facebook vuole spegnere WhatsApp

Facebook, arriva l'app Nearby Friends. Ti avvisa chi c'è nei paraggi

Facebook diventa una banca. Il profilo sarà il conto corrente

Conferma choc degli esperti: era glaciale in…

Agghiacciante rivelazione: i cellulari causano il...

Biglietti aerei, ecco la formula segreta per pagare meno

Meteo, il tempo migliora, ma pioverà ancora per…

Chi parla male di una persona su Facebook, senza nominarla direttamente, ma indicando particolari che possono renderla identificabile, va incontro a una condanna per diffamazione. Lo si evince da una sentenza con cui la prima sezione penale della Cassazione ha annullato con rinvio l'assoluzione, pronunciata dalla Corte militare d'appello di Roma, nei confronti di un maresciallo della Guardia di Finanza, che, sul proprio profilo Fb, aveva usato espressioni diffamatorie nei confronti del collega che lo aveva sostituito in un incarico.

In primo grado, il maresciallo era stato condannato dal tribunale militare di Roma a 3 mesi di reclusione militare, ma in appello il verdetto era stato ribaltato e il procuratore generale militare aveva impugnato la sentenza di secondo grado in Cassazione. La Suprema Corte ha ritenuto fondato il ricorso e disposto un nuovo processo d'appello.

"Ai fini dell'integrazione del reato di diffamazione - si legge nella sentenza depositata oggi - e' sufficiente che il soggetto la cui reputazione e' lesa sia individuabile da parte di un numero limitato di persone indipendentemente dalla indicazione nominativa". Infatti, osservano i giudici di 'Palazzaccio', "il reato di diffamazione non richiede il dolo specifico, essendo sufficiente ai fini della sussistenza dell'elemento soggettivo della fattispecie la consapevolezza di pronunciare una frase lesiva dell'altrui reputazione e la volonta' che la frase venga a conoscenza di piu' persone, anche soltanto due".

Ai fini di tale valutazione, conclude la Corte, "non puo' non tenersi conto dell'utilizzazione del social network, a nulla rilevando che non si tratti di strumento finalizzato a contatti istituzionali tra appartenenti alla Guardia di Finanza, ne' alla circostanza che in concreto la frase sia stata letta soltanto da una persona".

whatsapp

WhatsApp e Twitter tra bufale e realtà 

 

TOGLIETEMI TUTTO MA NON IL MIO SMARTPHONE
LE VIP AL MARE: LA GALLERY

smartphone mare (8)
Iscriviti alla newsletter
Tags:
fecebookcassazionediffamazione
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite

Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.