A- A+
MediaTech
Facebook, Zuckerberg “a rischio”. Brad Smith è pronto a sostituirlo

Mark Zuckerberg pronto a lasciare la guida di Facebook a un top manager con più esperienza nel settore della sicurezza. A diffondere l'indiscrezione è stato Alex Stamos, ex security chief dell’azienda di Menlo Park. Gli scandali del Russiagate e di Cambridge Analytica, sostiene Stamos, hanno messo drammaticamente in evidenza le difficoltà del social network di gestire la diffusione di fake news e proteggere i dati personali degli utenti.

La risposta, continua Stamos, è semplice: Zuckerberg deve farsi da parte come ceo e affidare la guida del gruppo, che oggi include anche Whatsapp e Instagram, a un dirigente più ferrato sui temi di sicurezza e privacy. Stamos ha anche un nome: Brad Smith, attualmente presidente di Microsoft.

“Chi dice che Zuckerberg ha troppo potere non ha tutti i torti”, ha dichiarato Stamos intervendo alla Collision Conference, a Toronto. “Deve rinunciare a parte di questo potere. Se fossi in lui, assumerei un nuovo ceo”. Stamos (che ha lasciato Facebook nel 2018) è stato tra i primi a rilevare le manipolazioni del social network da parte di attori russi in vista delle elezioni presidenziali americane del 2016. Zuckerberg “dovrebbe assumere un ceo che aiuti a dare il segnale, sia dentro che fuori l’azienda”, che la cultura di Facebook “deve cambiare”.

Non è la prima volta che, alla luce di datagate e Russiagate, la leadership di Zuckerberg viene messa in discussione. Stamos - si legge su www.corrierecomunicazioni.it - non pensa però che il fondatore di Facebook debba uscire di scena: dovrebbe invece dedicarsi a un ruolo a lui più congeniale, ovvero il direttore dei prodotti. Zuck è già al momento il capo di questa divisione, perché a marzo il chief product officer Chris Cox ha rassegnato le dimissioni. Lo sviluppo dei prodotti “è la grande passione” di Zuckerberg, ha affermato Stamos.

Per Stamos è legittimo anche pensare a uno scorporo di alcune delle attività dell’azienda. Lo stesso discorso vale per Google e YouTube: c’è un’eccessiva concentrazione di mercato che rischia di limitare la concorrenza. Ma lo spezzatino dei big del digitale, ha chiarito Stamos, può mitigare i timori dell’antitrust ma non risolvere il grande problema dei social media, ovvero la diffusione della disinformazione e la manipolazione politica: “Spezzettare un’azienda e averne tre più piccole con gli stessi problemi di base non migliora di molto la situazione”.

Commenti
    Tags:
    facebook
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Britney Spears, è guerra con il padre: "Rivoglio la mia vita"

    Britney Spears, è guerra con il padre: "Rivoglio la mia vita"


    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

    Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.