A- A+
MediaTech
Ferruccio de Bortoli innamorato dell'austerità

 

Ferruccio De Bortoli è, per certi versi, sorprendente, ma anche indubbiamente coraggioso.

Ieri dalla prima pagina del Corriere della Sera, quotidiano di cui è stato direttore, si è lanciato in un impopolarissimo panegirico dell’austerità in salsa europea che manco Angelo Panebianco (che però dà segni ultimamente di resipiscenza) avrebbe osato.

Lo spunto è stato quello dell’ennesimo libro di Alberto Alesina, dell’inseparabile Francesco Giavazzi e del bocconiano Carlo Favero dall’eloquente titolo “austerità”, fortunatamente (almeno) scritto con la “a” minuscola.

Tra parentesi, i due (non si sa mai chi scrive) oggi si permettono di dire a Salvini, sempre dalle colonne del Corriere, che “ha perso una buona occasione per stare zitto” sul Fondo Monetario Internazionale, con una saccenza pari solo alla loro spocchia.

Il libro è in uscita, ma De Bortoli se lo deve essere letto ben bene, visto che non solo parte dalla prima pagina del Corriere (in genere adibita a ponte di lancio di ben altri ordigni) ma continua poi all’interno per due pienissime facciate, con ben cinque grafici e tanto di foto iconografica di ragazzi che pattinano in centro a Milano, per la famose “domeniche a piedi” che l’Italia del 1973 celebrò come momento di riappropriazione delle città per la gioia degli sportivi e la maledizione degli automobilisti.

Dicevamo che il libro è solo un pretesto perché De Bortoli possa esplicitare il suo pensiero nocivissimo per l’Italia. In pratica scrive che occorre essere molto attenti alle spese (certamente) ma occorre anche lodare l’austerità provvidenzialmente imposta dall’Europa perché è bella e buona e soprattutto fa bene.

Insomma, un delirio masochistico degno di miglior causa. Che l’austerità faccia bene è tutto d a dimostrare visto che dieci anni di crisi ci hanno ridotto nello stato attuale, con il lavoro che non c’è e l’economia asfittica.

Certo, occorre fare tutto con misura, ma arrivare a lodare le politiche di Mario Monti, prono come non mai ai voleri e le smanie di Bruxelles nel 2012, sembra veramente troppo.

La gente, quello che De Bortoli chiama spocchiosamente “il popolo” è stufa di chiacchiere e di radical chic che a Davos ci dicono quanto inquinino le macchine per poi ripartirsene con 1500 jet. Il tempo delle favole è finito e soprattutto è finita l’epoca delle prese in giro.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ferruccio de bortolicorriere della seraalesinagiavazzimario montiausterità
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità

    Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.