A- A+
MediaTech
Fumo: ragazzi iniziano prima dei 18 anni. Parte la campagna Aiom nelle scuole

Fuma 1 adulto su 5, dato OMS.  In Italia il vizio del fumo inizia a scuola. Oncologi, nel 50% dei casi prima sigaretta già prima dei 18 anni


Nel mondo un adulto su cinque fuma, una percentuale in lieve calo negli ultimi due anni, mentre tra gli adolescenti maschi il tasso e' uno su dieci. Lo afferma uno dei documenti preparatori della Convenzione Quadro sul Controllo del Tabacco (Framework Convention on Tobacco Control, FCTC) dell'Organizzazione Mondiale della Sanita' in vista della Conferenza delle Parti (Cop 7) in India dal 7 al 12 novembre.

Secondo il documento, nel 2014 il 20,5% degli adulti del mondo fumava, il 34,6% dei maschi e il 6,2% delle donne, una percentuale in flessione rispetto al 21,1% di due anni prima. Ma in Italia il 'vizietto', secondo i dati diffusi dall'Associazione italiana di oncologia medica-Aiom, ha buona presa sugli adolescenti e un italiano su due ha iniziato a fumare prima dei 18 anni. Intanto la Convenzione quadro sul Controllo del tabacco, di cui fanno parte 180 fra paesi e istituzioni come l'Unione Europea, con il 90% della popolazione mondiale rappresentata, si prepara a intraprendere ulteriori passi ristrettivi nella lotta al tabagismo.


Aiom: “Uno studente su due è convinto che fumare provochi solo tosse e mal di stomaco”


"La settima sessione dovrebbe revisionare l'implementazione dei dettami del trattato e delle linee guida - si legge sul sito Fctc -, e prendera' decisioni su passi successivi per aiutare i paesi a debellare l'epidemia di tabagismo. Con il tabacco che uccide meta' dei propri utilizzatori, e quasi l'80% del miliardo di fumatori nel mondo  che vive in paesi a basso e medio reddito, l'ambizione e' di "denormalizzare" l'uso del tabacco".


Fumo, tabacco causa 90% dei tumori al polmone. AIOM I DATI


Da parte sua, l'Aiom sottolinea che proprio il tabacco e' la causa di circa il 90% dei tumori al polmone, il 75% dei tumori alla testa e collo, il 25% al pancreas.

 

Con le sigarette è meglio smettere: la campagna contro il fumo Aiom

 

Per questo l'Associazione tornera' nelle scuole per spiegare ai giovani che 'Con le sigarette è meglio smettere'.

Testimonial della seconda edizione della campagna che vedra' gli oncologi confrontarsi con gli studenti delle medie e delle superiori saranno due grandi nomi dello sport italiano, la tennista Flavia Pennetta e l'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri. I fumatori italiani, secondo dati Doxa 2016, rappresentano il 22% della popolazione con piu' di 15 anni e il 51% consuma fino a 15 sigarette al giorno. "E' nelle scuole - afferma Carmine Pinto, presidente Aiom - che molti ragazzi iniziano a fumare regolarmente. E' quindi proprio da qui che vogliamo ripartire con la nostra campagna", perche' "anche una singola sigaretta, magari accesa per gioco, puo' condannare una persona ad un vizio che dura tutta la vita"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fumoaiomcampagna aiomcampagna fumocampagna sigarettesigarette aiomsigarette studentisigarette ragazziaiom studenti
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"


casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.