A- A+
MediaTech
Google, mega stipendio per Mr. Alphabet. Vale 800 volte quello dei dipendenti

Google: maxi stipendio da 226 mln dlr per ad Alphabet in 2022 

Sundar Pichai, l'amministratore delegato di Alphabet, la holding ìa cui fa capo Google, ha visto la sua retribuzione totale salire lo scorso anno a 226 milioni di dollari, grazie a un gigantesco premio in azioni che probabilmente lo ha reso uno dei leader aziendali americani meglio pagati dell'anno. Lo riferiscono il Wall Street Journal e il Financial Times.    

La notizia del premio in azioni, che la società madre di Google assegna al suo amministratore delegato una volta ogni tre anni e che aveva un valore di 218 milioni di dollari, spiega il quotidiano, segue la mossa dell'azienda all'inizio di quest'anno di tagliare posti di lavoro in tutti i settori a causa di un forte rallentamento della pubblicità. All'epoca Pichai aveva detto ai lavoratori che i dirigenti avrebbero ricevuto bonus più bassi come parte della riduzione dei costi.    

Gli ultimi accordi retributivi dei dirigenti di Alphabet, finalizzati a dicembre, prima del taglio dei posti di lavoro, mostrano un impatto minimo della crisi. Alphabet ha dichiarato di aver dimezzato il valore di una classe speciale di bonus per dirigenti legati a obiettivi Esg (ambientali, sociali e di governance) a causa delle "condizioni macroeconomiche". I tagli hanno lasciato ai dirigenti più anziani dell'azienda una retribuzione inferiore di 775.000 dollari per il 2022.

Il precedente premio in azioni di Pichai, assegnato nel 2019, era stato valutato al momento della concessione a 277 milioni di dollari. Tuttavia, l'azienda ha dichiarato che il valore target stabilito per l'ultimo compenso azionario dell'amministratore delegato era lo stesso del premio del 2019. La valutazione riportata nei documenti ufficiali dell'azienda dipende da una serie di fattori volti a stimare il valore finale, come la volatilità del prezzo delle azioni.    

Il pacchetto retributivo del capo di Alphabet per il 2022 potrebbe in definitiva valere molto di più della cifra citata nell'ultimo documento. Il numero di azioni che matureranno nel corso dei tre anni di assegnazione dipenderà in parte dalla performance di Alphabet, che secondo l'azienda ha ora un peso maggiore nella retribuzione dell'amministratore delegato.   

Il valore dipenderà anche dalle oscillazioni del prezzo delle azioni di Alphabet. In base a una nuova regola adottata dalla Securities and Exchange Commission lo scorso anno, le aziende americane sono tenute per la prima volta a rivelare il valore effettivo dei premi in azioni assegnati in precedenza una volta maturati e i dirigenti hanno ricevuto i benefici.Le nuove informazioni mostrano che il pacchetto di azioni di Pichai per il 2019 gli ha fruttato 504 milioni di dollari nei tre anni successivi, molto più del valore attribuito dall'azienda al momento dell'assegnazione. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alphabetgooglestipendio





in evidenza
Angelina Mango, raccolta di inediti: in uscita l'album "Pokè melodrama"

MediaTech

Angelina Mango, raccolta di inediti: in uscita l'album "Pokè melodrama"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Nuova Smart Concept #5 SUV premium elettrico debutta a Pechino 2024

Nuova Smart Concept #5 SUV premium elettrico debutta a Pechino 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.