A- A+
MediaTech

La rete insorge contro la chiusura di Google Reader, il servizio di Mountain View che aggrega flussi di notizie online attraverso i feed Rss. La società ha comunicato che l'applicazione chiuderà i battenti il prossimo primo luglio a causa della diminuzione degli utenti che lo utilizzano. "Nonostante il servizio abbia un seguito fedele - scrive sul blog ufficiale di Google Urs Holzle, uno dei ricercatori del colosso web - negli anni il suo utilizzo è calato. Ecco perché a partire dal primo luglio 2013 lo manderemo in pensione".

Il servizio era stato lanciato nel 2005 e rappresentava secondo il post lo sforzo per facilitare agli utenti l'obiettivo di essere sempre aggiornati sui nuovi contenuti dei siti web preferiti.

Ed è boom di sottoscrizioni per la petizione aperta su Change.org per chiedere a Google di rivedere la sua decisione: al momento in cui scriviamo sono oltre 102mila, ma crescono di ora in ora e non sarà quindi difficile raggiungere le 150mila adesioni richieste.

Google è da tempo impegnata in un'opera di razionalizzazione dei numerosi servizi lanciati nel tempo. Solo negli ultimi die anni ne ha chiusi 70: la maggioranza era rivolta agli sviluppatori e non al grande pubblico, alcuni non sono mai decollati o comunque non hanno raggiunto la redditività sperata (fra questi c'è il "portale personalizzabile" iGoogle), altri erano duplicati ricompresi in applicazioni Google più ampie.

Tags:
googlereaderpetizione

i più visti

casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.