A- A+
MediaTech
homeLa home page di Waze

Nel mare del web, i pesci grandi continuano a mangiare quelli piccoli. I primi rafforzano la propria posizione e i secondi intascano una cifra enorme rispetto all'investimento iniziale. L'ultimo caso potrebbe essere quello di Waze, uno dei navigatori sociali più diffusi. Da tempo si vociferava di un interesse da parte di Google. Ora, secondo il Wall Street Journal l'operazione si sarebbe già conclusa. Il gigante di Mountain View avrebbe sborsato 1,3 miliardi di dollari. Già presente nel settore con le sue mappe, Google punta ora a renderle più social, capaci di aggiornarsi con grande rapidità grazie al contributo degli utenti.  

Brin e Page avrebbero quindi avuto la meglio anche su Apple e Facebook. Cook si era tirato indietro per il prezzo, giudicato troppo alto, mentre Zuckerberg voleva costringere Waze a trasferirsi in California. Una soluzione non certo comoda, perché il grosso dei dipendenti è lì dove Waze è stato fondato, in Israele. Google invece è arrivata a offrire di più senza pretendere il trasloco. Anche se a distanza, il matrimonio promette bene: se Mountain View diventerà più social,Waze potrà usufruire dell'integrazione ampliando l'esperienza di navigazione su Android e sfruttare a pieno gli investimenti monstre di Google. Un bel vantaggio peri fondatori Uri Levine, Ehud Shabtai e Amir Shinar, che nel 2008 hanno lanciato il progetto.

Tags:
googlewazemappe
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.