A- A+
MediaTech
Black Mirror e il pericolo influencer: quando i social diventano propaganda

Il libro stava sul comodino di diversi dittatori e Benito Mussolini ebbe a dire di aver letto l’opera omnia del sociologo francese che è ancora attualissima e dovrebbe essere riadattata per includere uno strumento che allora non c’era e cioè Internet e specificatamente l’universo Web. Ormai il termine “influencer” è dilagato nella cultura di massa e popolare e sta divenendo sempre più patrimonio comune della nostra società e non solo quella Occidentale da dove, come al solito, è partito il fenomeno.

Ma chi sono questi influencer? Si tratta in genere di giovani se non giovanissimi che acquisiscono un enorme potere mediatico per l’altissimo numero di follower, cioè di seguaci, di cui i loro profili virtuali sono dotati. Si tratta di numeri impressionanti: milioni e milioni di seguaci pronti a tutto per sostenere e compiacere proprio beniamino o la propria beniamina in un campo specifico: in genere si tratta di cucina, cosmesi, moda, viaggi o più semplicemente pensieri condivisi sulla società o sul modo di rapportarsi ad essa.

Si tratta di un esercito sterminato di esseri umani che si nasconde dietro ad apparentemente innocui post che tuttavia possono divenire micidiali strumenti di propaganda quando condizionano e dirigono il gusto e le scelte di milioni se non miliardi di persone. Ormai ci sono influencer in ogni campo: ci sono gli influencer religiosi, calcistici, della cucina, televisivi, della forma fisica e chi più ne ha più ne metta. Finché si rimane nella propaganda commerciale si potrebbe trattare di uno dei tanti fenomeni di massa del nostro tempo, ma sempre più spesso i loro post debordano pericolosamente verso la politica influenzando, letteralmente, il gioco democratico.

Ma cosa accadrebbe se uno di questi influencer “democratici” decidesse che qualche idea politica estrema sia una buona scelta da seguire? Potrebbe con un solo click influenzare milioni di persone portandoli a votare le proprie idee malsane. Un episodio del genere, “Vota Waldo!”, è narrato nella serie prima citata ed è emblematica nell’estrema pericolosità sociale che una sola persona che ha molti seguaci può avere per la democrazia reale. Si tratta di un personaggio virtuale inventato, appunto “Waldo”, che con discorsi populisti e qualunquisti incanala l’odio delle folle verso comportamenti o persone particolari con risultati disastrosi per i malcapitati. E per questo occorre che la politica tradizionale, quella reale per intenderci, presti estrema attenzione a questi fenomeni di massa che sempre più spesso le stanno sfuggendo di mano.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
facebookinfluencerinstagram





in evidenza
Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"

La kermesse pugliese che apre la stagione "Borgo in Fiore"

Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"


in vetrina
Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo


motori
Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.