A- A+
MediaTech

Durante il World Communication Forum 2013, l’evento che riunisce il Forum della Comunicazione e il Forum della Comunicazione Digitale, in programma il 10 e 11 Aprile a Milano, l’Istituto Piepoli ha presentato i risultati della ricerca “OPINIONE PUBBLICA: parole chiave e comunicazione istituzionale attraverso i mass media”, sondaggio d’opinione giunto alla sua terza edizione, che indaga sulla percezione del ruolo della comunicazione in Italia, e il suo valore per lo sviluppo e la crescita del Paese.

Secondo il sondaggio d’opinione - effettuato su un campione di 500 individui rappresentativo della popolazione italiana - continua a crescere la percentuale di Italiani che ritiene la comunicazione un’importante chiave strategica per uscire dalla crisi economica: l’86% risponde infatti positivamente (il 17% ritiene la comunicazione “molto importante” il 69% “abbastanza”), il 13% in più rispetto all’anno precedente e ben il 25% in più di quanto rilevato nel 2011.

Gli Italiani considerano fondamentale il ruolo della comunicazione in particolare nella Pubblica Amministrazione, come strumento per garantire informazione e trasparenza ai cittadini: ben l’89% del campione ritiene importanti gli investimenti in tal senso, percentuale in crescita del 2% rispetto al 2012 e di ben il 12% superiore rispetto ad un sondaggio analogo condotto nel 2011.

La comunicazione viene quindi percepita come elemento imprescindibile della nostra società: ma quali sono i contenuti, le parole chiave che gli Italiani ritengono caratterizzeranno i prossimi mesi? Il sondaggio conferma la parola “Lavoro” al primo posto: il 48% degli italiani lo individua tra i concetti che maggiormente ricorreranno nelle prossime campagne di comunicazione, risultato significativo anche se in calo rispetto al 55% di preferenze rilevato nel 2012. In seconda posizione si segnala il sorpasso del concetto di “Innovazione”- che cresce di 7 punti fino a raggiungere il 27% - rispetto alla parola “Crisi” (22%, in calo del 6% rispetto al 2012), segno forse di un maggiore ottimismo o di una volontà di tornare a crescere dopo la recessione. Alle loro spalle, il 20% sceglie la parola “Tecnologia”, il 17% “Valori” e il 14% “Investimenti”.

Ancora il concetto di “Innovazione” guida, con il 47% delle preferenze, la lista delle priorità per cui gli Italiani giudicano più importanti gli investimenti in comunicazione, seguita dal Turismo locale per lo sviluppo del territorio (45%) e dai valori e la cultura del sistema Italia (39%).

Per quanto riguarda invece i canali di comunicazione da cui gli italiani preferirebbero ricevere informazioni di aziende private e/o istituzioni, crollano le preferenze nei confronti della TV, che nonostante tutto si conferma il medium preferito dagli Italiani. In particolare crolla il consenso verso la pubblicità televisiva, che nel 2012 raccoglieva il 51% delle preferenze e ora si limita al 34%, superata dai programmi di approfondimento, indicati dal 37% degli Italiani come il canale preferito da cui ricevere comunicazioni.

Tags:
comunicazioneinvestimenti

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.