A- A+
MediaTech

 

LA7

Comincia in salita l'avventura di Urbano Cairo a La7. L'assemblea dei giornalisti dell'emittente ha espresso in una nota "grande sconcerto e sdegno per la superliquidazione all'ex amministratore delegato e per i premi economici corrisposti ai manager in seguito alla cessione de La7 a Urbano Cairo". Il riferimento le notizie, diffuse la scorsa settimana, sulla liquidazione per l'ex ad di La7, Giovanni Stella, che ha ricevuto nel 2012 compensi per 2,25 milioni di euro, di cui 558mila a titolo di retribuzione e 1,691 milioni come buonuscita.

Per i giornalisti de La7, la cessione dell'emittente a Cairo è "un'operazione che si fatica a definire vendita, condotta attraverso il ricorso improprio allo strumento della cessione di ramo d'azienda e incomprensibile con logiche industriali e finanziarie. Un'operazione su cui saranno chiamate a pronunciarsi le autorità competenti. I bonus e le buonuscite assegnati ai vertici aziendali - a fronte di pessimi risultati economici - equivalgono peraltro a quanto sottratto negli scorsi anni ai giornalisti attraverso un contratto di solidarietà basato su presupposti illegittimi. A tutt'oggi la richiesta di incontro con il nuovo editore, avanzata attraverso la Federazione Nazionale della Stampa, è rimasta inascoltata mentre i segnali che arrivano dall'attuale azienda non sono incoraggianti".

Nel comunicato i giornalisti de La7 si dicono quindi "preoccupati per l'intenzione di trasferire 60 lavoratori non giornalisti ad aziende del gruppo Telecom e per il mancato rinnovo dei contratti di lavoro a tempo determinato, una scelta che provoca l'impoverimento della struttura tecnica e incide sulla qualità e l'organizzazione del lavoro giornalistico".

L'assemblea "prende atto con soddisfazione delle dichiarazioni di Urbano Cairo sulla centralità dell'informazione e sulla conferma dell'attuale linea editoriale e gli chiede di illustrare al più presto un piano industriale. Al nuovo editore de La7 alla ricerca di 'rubinetti da chiudere' - per citare un'espressione dello stesso Cairo - consiglia di guardare innanzitutto agli appalti a prezzi spesso fuori mercato a ditte esterne per attività che poco o nulla hanno a che fare con l'attività televisiva".

Infine l'assemblea dei giornalisti de La7, "vista l'indisponibilità dell'azienda a risolvere le annose questioni relative al non giustificato Contratto di solidarietà, alla non corretta applicazione del Contratto nazionale di lavoro giornalistico e degli accordi aziendali, assegna al Comitato di redazione ampio mandato per avviare immediatamente le azioni legali necessarie al rispetto delle regole e al recupero delle somme non corrisposte, a cominciare dal Trattamento di fine rapporto non correttamente accantonato".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
la7cairogiornalisti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory

Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.