A- A+
MediaTech
Libero, Crimi: verifiche per bloccare fondi

“Avvierò immediatamente una procedura interna per vagliare la possibilità di bloccare l’erogazione dei fondi residui spettanti ad un giornale che offende la dignità di tutti  gli italiani e ferisce la democrazia”. Ad affermarlo Vito Crimi, sottosegretario M5S con delega all’Editoria, commentando il titolo con cui oggi Libero apre la sua prima pagina: ‘Calano fatturato e Pil, ma aumentano i gay’.

“Provo disgusto per il titolo del giornale Libero. Un giornale che riceve soldi pubblici che prima pubblica titoli razzisti, poi oggi anche omofobi”, ha rimarcato il deputato grillino.

“Mi aspetto che il giornalismo che tanto vede in noi il nemico, faccia sentire la sua voce. Probabilmente, ha concluso, chi distrugge la credibilità della stampa sono proprio alcuni giornalisti”.

Libero, Di Maio sul titolo sui gay: "Scriveranno idiozie senza fondi" - Il titolo di apertura di Libero fa andare su tutte le furie la politica. "Calano fatturato e Pil ma aumentano i gay", titola infatti oggi il quotidiano diretto da Pietro Senaldi, un titolo che ha spinto il vicepremier Luigi Di Maio a scrivere immediatamente sui social per ribadire la posizione pentastellata sul blocco dei fondi all'editoria, un'azione che però s'inserisce nella più generale critica del M5S alla stampa nazionale. 

"Abbiamo fatto bene o no a tagliare i fondi a giornali del genere? Scriveranno queste idiozie senza più un euro di fondi pubblici. Vito Crimi ha avviato la procedura che azzererà i finanziamenti pubblici entro i prossimi tre anni", ha scritto infatti su Instagram il vice premier e ministro dello Sviluppo, Luigi Di Maio. 

"Provo disgusto per il titolo del giornale Libero. Un giornale che riceve soldi pubblici che prima pubblica titoli razzisti, poi oggi anche omofobi. Avvierò immediatamente una procedura interna per vagliare la possibilità di bloccare l'erogazione dei fondi residui spettanti ad un giornale che offende la dignità di tutti gli italiani e ferisce la democrazia. Mi aspetto che il giornalismo che tanto vede in noi il nemico, faccia sentire la sua voce. Probabilmente chi distrugge la credibilità della stampa sono proprio alcuni giornalisti", ha sostenuto invece Vito Crimi, sottosegretario con delega all'Editoria. 

“Titoli del genere, così come quello sui terroni, creano discriminazione e fomentano odio. L’ordine dei giornalisti ha il dovere di intervenire tempestivamente. Tagliare i fondi a giornali come questo è doveroso. Questa non è informazione!”, ha twittato invece Manlio Di Stefano, sottosegretario M5S agli affari esteri.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    titolo libero quotidianom5s contro libero
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot: la filosofia della guida elettrica

    Peugeot: la filosofia della guida elettrica


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.