A- A+
MediaTech
Lucarelli contro Ambra: "Lavoro minorile? Ma se era a Non è la Rai a 14 anni"
Ambra Angiolini

Lucarelli massacra Ambra per il Concertone: "Svolta a destra"

A Selvaggia Lucarelli la conduzione del Concertone di Ambra Angiolini non è piaciuta per niente e ha ironizzato così: "Svolta a destra. La conduttrice ha fatto rimpiangere persino la Pitonessa (la Santanchè ndr)". Ambra che parla di alternanza scuola-lavoro e di come sia stato ingiusto rubare il futuro a un giovane di 18 anni (Lorenzo, morto in alternanza scuola lavoro) che doveva solo andare a scuola. Considerato - scrive Lucarelli sul Fatto Quotidiano - che Ambra ha iniziato a lavorare a Non è la Rai a 14 anni dalle 11 del mattino fino alle sei del pomeriggio, sarebbe stato più interessante ascoltare la sua esperienza più che la sua predica, ma poi sono saliti sul palco i genitori di Lorenzo con la loro incrollabile dignità e il momento è stato toccante". Bordate anche sulla questione Rovelli-Crosetto. "Evidentemente, mentre Rovelli parlava, Ambra riceveva sul cellulare qualche messaggio di protesta da chi conta qualcosa più della Cgil e quindi, rientrata in scena, precisava stizzita: “Qua non c’è censura, quando invitiamo i nostri ospiti lasciamo loro la libertà di esprimere la loro opinione. Ma ci dovrebbe essere un contraddittorio...". La Lucarelli l'attacca anche sulla questione del lavoro.

Insomma, secondo Ambra Angiolini - prosegue il Fatto - le parole non sono importanti, basta il giusto stipendio. O ignorare la questione identità di genere e continuare a usare le desinenze maschili pure riferendoci a chi si sente donna e viceversa (e però Ambra non perde occasione per indossare il maglioncino o la spilletta arcobaleno). Nessuno le ha mai spiegato che l’inclusività passa prima di tutto attraverso il linguaggio, e che la prima forma di discriminazione e di rivendicazione del predominio maschile è proprio questa resistenza a consegnarci la nostra identità. Eppure fu proprio lei, anni fa, a raccontare quanto una parola di Aldo Grasso la ferì a morte, a spiegare alla sua generazione quanto le parole scrivano la realtà. Definiscano. Facciano vivere o sparire. Insomma, davvero un brutto primo maggio quello di Ambra Angiolini, ma di sicuro Il presidente Meloni sarà contento. O contenta. Decida Ambra.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ambra angioliniselvaggia lucarelli





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


motori
Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.