A- A+
MediaTech
Rai, dopo Sanremo tocca al Concertone. Insofferenza della Dx: voci di chiusura

Rai, la destra ha messo nel mirino il Concertone. Cosa cambia

Il Concertone del primo maggio non è piaciuto al governo e ora è finito nel mirino della destra anche l'evento della festa dei Lavoratori dopo Sanremo. Il concertone lo vedremo ancora in tv tra un anno? Ha fatto uno share dell’undici per cento, incollando davanti agli schermi quasi due milioni di telespettatori, ma - si legge su Repubblica - la destra al potere non nasconde la sua insofferenza. "Non è stata una bella pagina", ha commentato il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano. C’è sempre un Fedez che disturba. Stavolta non avevano fatto i conti con il fisico Carlo Rovelli, che ha tirato in ballo il ministro della Difesa Guido Crosetto, già presidente della Federazione aziende italiane per l’aerospazio: "È stato vicinissimo a una delle più grandi fabbriche di armi nel mondo, Leonardo", ha spiegato. Crosetto ieri lo ha invitato a pranzo, "così vedrà cosa faccio ogni giorno per cercare la pace e fermare la guerra". Rovelli ha declinato, ringraziando: "Vorrei che se ne discutesse nel Paese, non a cena in due".

Ora i rumours di viale Mazzini - prosegue Repubblica - dicono che il concertone rischia di finire nella mannaia del "nuovo immaginario italiano", a cui Sangiuliano lavora alacremente da mesi. Il concertone si tiene dal 1990. E anche agli esordi faceva infuriare i potenti. Elio e le storie tese nel 1991 con la canzone Sabbiature tirarono in ballo Andreotti, il golpe Borghese, Tanassi, Gui, la P2, Remo Gaspari, Nicolazzi, il presidente della Rai Manca. Insomma, una lezione di sarcasmo a un anno dallo scoppio di Tangentopoli. Apparve a canzone in corso Vincenzo Mollica: "Stiamo passando dalla Rete tre alla rete due?", lo si sentì domandare. Si parlò di censura.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
concertone primo maggiorai





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.