A- A+
MediaTech
MasterCard, il conto si paga con un selfie

Un acquisto in un battito di ciglia. Il prossimo autunno MasterCard varerà una nuova app che userà un selfie al posto delle password. “Le password si perdono e si dimenticano”, afferma alla Cnn Ajay Bhalla, uno degli sviluppatori del progetto.

La propria faccia invece è sempre lì. Basta un autoscatto e l'acquisto sarà fatto, in sostituzione del Secure Code richiesto di solito dalle carte di credito o dalle prepagate. In sostanza l'app riconosce il volto e fa partire il pagamento quando, durante un selfie, si chiudono le palpebre.

L'applicazione consente una doppia soluzione. La prima, come detto, è quella del selfie. L'altra è meno innovativa ma comunque ancora poco diffusa: il riconoscimento tramite impronta digitale.

Il prossimo autunno si partirà con una fase sperimentale aperta ad appena 500 utenti. Il tema è delicato. Perché un conto è accedere a un iPhone tramite le proprie impronte, un altro è gestire con le dita (o con selfie e palpebre) una carta di credito.

Non solo. MasterCard sta lavorando anche con la canadese Nymi per sviluppare il riconoscimento basato sul proprio battito cardiaco.   

Tags:
mastercardselfiee-paymentmobileimpronte digitali
in evidenza
Natale gender free : al bando gli spot dei regali "sessisti"

La legge che crea polemica

Natale gender free: al bando gli spot dei regali "sessisti"


in vetrina
Bike Economy, i ricavi della filiera crescono del 46% in cinque anni

Bike Economy, i ricavi della filiera crescono del 46% in cinque anni


motori
Debutta in Europa tecnologia Nissan e-4orce

Debutta in Europa tecnologia Nissan e-4orce

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.