A- A+
MediaTech
Affaritaliani.it diventa responsive. Prime indiscrezioni sul nuovo sito
 

(In foto il direttore di Affaritaliani.it, Angelo Maria Perrino, ospite per due volte della trasmissione I Fatti Vostri su Rai 2. E' piaciuta ai telespettatori l'Edicola di Perrino)

ECCO L'INTERVISTA DEL DIRETTORE ANGELO MARIA PERRINO A "IL GIORNO"

 "HO REALIZZATO il sogno di tanti giornalisti, quello di essere padroni di se stessi". Lo racconta Angelo Maria Perrino, fondatore e direttore del quotidiano online affaritaliani.it che quest'anno compie 18 anni e li celebrerà con una grande festa di compleanno il prossimo 13 novembre. Un'occasione anche per presentare la nuova versione.

Allora come ci si sente da maggiorenni?
"Pieni di entusiamo, è come spiccare un tuffo da un trampolino ancora più alto. Ho sempre creduto in internet e la crescita di affaritaliani.it dimostra come il web conferisca all'informazione quella libertà che altrove è difficile da trovare".

Affaritaliani.it è stato registrato l'11 aprile 1996 e si definisce il primo quotidiano italiano online, ma il suo primato è conteso dall'Unione Sarda. E' vero?
"Sì, prima di noi era partito l'editore Nichi Grauso, ma trasferendo sul web i contenuti del quotidiano cartaceo l'Unione Sarda. Noi, invece, siamo nati solo nel web e non ci siamo più fermati".

Caratteristiche del sito, premiato con l'Ambrogino d'oro nel 2011?
"Raccontiamo ciò che accade tenendo come bussola l'economia, secondo l'insegnamento marxiano che vede la politica e la cultura come sue varianti. Sveliamo la struttura dei fenomeni con un linguaggio essenziale, senza aggettivi, mai in prima persona".

E la concorrenza dei social?
"Siamo anche su Facebook e Twitter. Proprio dai social ho imparato che bisogna seguire i lettori, mai aspettare che arrivino. E i numeri ci danno ragione: abbiamo circa 150 mila utenti al giorno, con una media di permanenza per ogni accesso di circa 7 minuti".

Ce la fate da soli?
"Ci finanziamo con la pubblicità. Ora la redazione è di 14 giornalisti, assunti a tempo indeterminato con contratti della Fnsi. Io stesso non ho uno stipendio da direttore, bensì da caporedattore. Ma non c'è alcun sacrificio, quello che ottengo in cambio mi ripaga in abbondanza".

Che vuol dire?
"Facciamo giornalismo in autonomia, senza la pressione di quei poteri forti che hanno stritolato la stampa tradizionale facendone uno strumento di lobbying, per aggiudicarsi fette di potere soprattutto finanziario e politico".

E pensare che avete cominciato in due locali in via Eustachi a Milano.
"E qui siamo rimasti. Eravamo al piano terra di via Eustachi 11. Oggi siamo al quinto piano dello stesso stabile, ma in spazi più ampi. La società è sempre la stessa, in cui avevo investito 20 milioni delle vecchie lire, parte della mia liquidazione da Milano Finanza".

I suoi esordi nel giornalismo, però, come praticante a Panorama di Lamberto Sechi?
"Sì, ci entrai come stagista nel 1977. E catturai l'attenzione di Sechi scrivendo un articolo con i prezzi completi delle auto, mentre allora le cifre venivano pubblicate senza Iva, per cui bisognava andare dal concessionario per sapere il costo finale".

Dal calcolo dell'Iva arrivò l'assunzione?
"Sì, poi mi sono occupato di tutto, dalla giudiziaria alla politica, arrivando alla qualifica di inviato".

E nel 1986 al Giorno?
"Quell'anno il direttore di allora, Lino Rizzi, mi assunse, insieme a Giancarlo Mazzuca che veniva dal Corriere (attuale direttore del Giorno, ndr) e Vittorio Testa da Repubblica. Appena arrivato misi a segno uno scoop mondiale. Sul Giorno, fui il primo e l'unico a rivelare all'indomani della morte, che nel carcere di Voghera Michele Sindona dopo aver bevuto il caffé urlò che l'avevano avvelenato e poi stramazzò al suolo".

Intanto sta preparando una nuova versione di affaritaliani.it?
"Sì, ci saranno nuove sezioni dedicate al marketing e agli animali. Poi cambieremo la grafica. Sempre all'insegna dell'obiettività e dell'informazione senza filtri. Il sogno è di quotare il sito in borsa".

Un consiglio ai giovani che vorrebbero fare i giornalisti?
"Accumulare esperienze all'estero. Il problema in Italia è che la casta si è mangiata tutto: il segnale visibile è l'aumento sbalorditivo del debito pubblico, mentre quello che non si può misurare, anche se reale, è la morte di qualsiasi iniziativa. Renzi è ambizioso, ha coraggio ma ha pochi margini perché le risorse sono agli sgoccioli. I giovani dovrebbero fare come nel nord Europa, rifiutarsi di accollarsi il debito accumulato dagli altri".

Ecco l'articolo di Prima Comunicazione

"L'abbiamo studiato assieme ad Engitel, da sempre nostro fornitore con il suo sistema editoriale Spin & Go", spiega il direttore Angelo Maria Perrino. "Sarà un sito che esalta molto i video e le foto, a partire dalle gallery che apriranno la home page, perché la gente oggi preferisce un'informazione veloce ma completa, in cui l'immagine ha un ruolo importante".

Il benchmark del nuovo Affaritaliani.it - assicura ancora Perrino - sono i migliori siti americani, con cui Engitel si è potuta confrontare avendo un collegamento diretto con le imprese della Silicon Valley. In particolare sarà un sito responsive, cioè che si adatta a tutti gli schermi, dallo smartphone al tablet, al pc. Oggi dai dispositvi mobile proviene circa il 15% degli oltre 100mila utenti unici che ogni giorno frequentano il sito (dato Audiweb di giugno), un dato in costante crescita. Come in crescita è la quota di utenti (circa il 20% attualmente) che arrivano dai social network, Facebook e Twitter in particolare.

"Dopo Internet 2.0 caratterizzato dai contenuti 'user generated', spesso però fatti di 'fuffa', siamo all'Internet 3.0 in cui ha un ruolo decisivo il dialogo sui social network", spiega Perrino. "Il nuovo sito punterà molto sull'aspetto social senza dimenticare la qualità dei contenuti. Vogliamo intercettare la domanda di informazione di qualità, che esalta il ruolo dei giornalisti e non li copia e incolla dai siti delle agenzie. Un traffico che si pesa e non solo si conta, a cui gli investitori pubblicitari devono dare la giusta valutazione".

Questo discorso, assicura Perrino, vale anche sui social network, dove sta emergendo un bisogno di qualità al di là delle sterili polemiche di cui sono pieni i commenti. Affaritaliani si è attrezzato per affrontare questa nuova domanda potenziando la redazione con la nomina di un social media manager. Il sito si sta intanto arricchendo di nuovi contenuti. "Dopo 'Marketing', la sezione dedicata a brand e prodotti, stiamo per lanciare due nuove rubriche", annuncia Perrino. "La prima è una pagina di cinema, curata da Antonello Catacchio, critico cinematografico del Manifesto; la seconda è una sorta di tribuna politica on line, un'area a disposizione dei parlamentari che vogliono dare visibilità alle proprie iniziative concrete (progetti di legge, interrogazioni, proposte, eccetera), al di là delle polemiche che tengono banco sui quotidiani e nei talk show televisivi".

Tags:
affaritaliani.itangelo maria perrinositoengitelprima comunicazione
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.