A- A+
MediaTech
Privacy, BlackBerry controcorrente: dà le chat ai giudici

Apple e WhatsApp no, Blackberry sì. La società canadese di telefonia fornisce ai magistrati che ne facciano richiesta i testi della chat "interna", come racconta Repubblica. Una chat che può essere utilizzata solo da chi possiede cellulari di quella marca e che necessita naturalmente di Pin e password. La chat non può essere intercettata perchè è criptata. Ma Blackberry, su richiesta dei pm Enrico Arnaldi di Balme e Enrica Gabetta che stavano conducendo un' indagine su un importante traffico internazionale di cocaina, segue la linea opposta: ha fornito alla Procura di Torino i contenuti di quella conversazione in chat, decrittati e tradotti in italiano. E analoghe "traduzioni" aveva già fornito alla stessa procura per altre conversazioni riservate negli anni scorsi, almeno dal 2013.

Ma le "chat", sostengono i legali che difendono la banda di narcotrafficanti, non possono essere utilizzate perché non sono state "intercettate" direttamente dall'autorità giudiziaria

Iscriviti alla newsletter
Tags:
privacyblackberrydaimagistrati
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Hannibal e un maggio bollente: fino a 51 gradi. Previsioni

Meteo, Hannibal e un maggio bollente: fino a 51 gradi. Previsioni


casa, immobiliare
motori
Incentivi auto 2022: Stellantis guida la transizione zero emissioni in Italia

Incentivi auto 2022: Stellantis guida la transizione zero emissioni in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.