A- A+
MediaTech
Report anticipazioni stasera: "ombre nere" sul 41 bis e payback nella sanità

Report, anticipazioni stasera: si parlerà dei legami della Destra estrema con le socieà che gestiscono i detenuti e del payback nel settore medicale

Grande attesa per la nuova puntata di Report, in onda oggi 3 aprile 2023 alle 21:10 su Rai3, RaiPlay e Rai Italia. Alla conduzione resta saldo al suo posto Sigfrido Ranucci, che ci presenterà tutte le inchieste che hanno fatto la storia del programma. "Nella stagione che ha segnato il record di 25 anni di messa in onda, Report riprende la serie con due straordinarie inchieste", afferma il conduttore e vicedirettore di Rai Approfondimento.

Report, anticipazioni stasera: "Ombre nere"

La prima delle due inchieste, dal titolo "Ombre nere", firmata da Giorgio Mottola con la consulenza di Andrea Palladino e la collaborazione di Norma Ferrara, riguarda Alfredo Cospito, detenuto da 11 mesi al 41 bis. Report ricostruirà le varie fasi della battaglia dell’anarchico in sciopero della fame da oltre 160 giorni e della quale sperano di potersi avvantaggiare i boss della mafia in galera. "Mostreremo una serie di video inediti - anticipa Ranucci - a partire da quello dell'attentato  alla Caserma di Fossano che ha determinato la condanna all'ergastolo di Alfredo Cospito, quindi quello di Giuseppe Graviano che racconta come ha concepito il figlio in carcere mentre era sottoposto al regime del 41 bis, infine un video in cui Riina gioca a carte e irride il magistrato Nino Di Matteo".

Nella puntata anche un'intercettazione che inguaia il figlio di Bruno Vespa, che avrebbe portato pizzini in carcare a Totò Cuffaro.

Da trent’anni, poi, i mafiosi provano ad approfittare di tutte le falle del carcere duro. Report mostrerà, in esclusiva, i libretti universitari dei boss, e le loro carriere accademiche particolarmente generose nei voti, nonché una anomala concentrazione di oltre cento mafiosi difesi dallo stesso avvocato.  Nonostante tutti i problemi e gli intoppi, tuttavia, il 41 bis è stato lo strumento più importante ed efficace nella lotta contro le mafie. Oggi, però, è sotto attacco. Dopo la sentenza della Corte Europea di Strasburgo e la conseguente riforma dell’ergastolo ostativo, i detenuti mafiosi che si trovano in regime di in alta sicurezza potranno uscire dal carcere senza dover collaborare con la giustizia.

Per l’accesso ai benefici e alla libertà anticipata dei boss sarà determinante il ruolo di associazioni e cooperative del settore carcerario. In importanti penitenziari italiani alcune di queste realtà associative sono legate al mondo dell’estrema destra, guidate dai protagonisti delle pagine più sanguinose della storia italiana.  

"Report - dice Ranucci - ha fatto anche una due diligence sulle società di Luigi Ciavardini, l’ex Nar condannato per essere stato uno degli esecutori della strage di Bologna e abbiamo visto che fattura con le società di riferimento che si occupano di detenuti, oltre 3 milioni di euro. Lui, Francesca Mambro e Giusva Fioravanti dovrebbero risarcire i familiari delle 85 vittime per circa un miliardo di euro, ma fino ad oggi si sono dichiarati incapienti”.  

Report, anticipazioni stasera: "Taglia il bisturi"

La seconda inchiesta della puntata, "Taglia il bisturi", di Luca Bertazzoni con la collaborazione di Goffredo De Pascale riguarda il Payback, che letteralmente significa recupero, ma secondo il dizionario Garzanti può significare vendetta: è in effetti una legge che rischia di mettere in ginocchio le imprese che forniscono la sanità pubblica perché prevede che quando le Regioni sforano il tetto di spesa per l’acquisto dei dispositivi medici, le aziende fornitrici devono contribuire a ripianare restituendo fino al 50% del fatturato dalle fornitureo.

Il payback sui dispositivi è una legge voluta dal Governo Renzi nel 2015. "L’ex premier - anticipa ancora Ranucci - ci ha rilasciato un’intervista nella quale ammette che la legge era inapplicabile, e ha concluso con una battuta dandoci l’appuntamento all’ autogrill di Fiano Romano: 'Mentre la ministra Beatrice Lorenzin ha ammesso che si tratta di una legge scritta male, ci sarebbe da chiedersi perché allora non è stata riscritta', ha detto". 

La legge in questione è stata attivata da Draghi subito dopo le dimissioni e ora più di 4000 piccole e medie imprese del settore rischiano di chiudere e, senza regole certe, hanno smesso di partecipare alle gare. "Per questo - conclude Ranucci - abbiamo deciso di andare nelle due regioni, Toscana e Puglia, che hanno il primato di aver sforato di più nelle spese per i dispositivi medici, e abbiamo raccolto delle anomalie sul funzionamento dei centri di spesa di cui si sono dotati".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
report





in evidenza
Palla di fuoco verde attraversa il cielo fra Spagna e Portogallo

Cronache

Palla di fuoco verde attraversa il cielo fra Spagna e Portogallo


in vetrina
Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire


motori
CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.